Sfruttare a pieno la sanatoria delle cartelle Equitalia

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La sanatoria consiste in uno sconto che sarà applicato soltanto sugli interessi sia di mora che di ritardata iscrizione a ruolo.

I primi si applicano quando il contribuente ritarda il pagamento di somme iscritte a ruolo: in particolare questo tipo di interessi è dovuto se il pagamento non avviene trascorsi sessanta giorni dopo la notifica della cartella e viene calcolato dalla "consegna" dell'atto e fino al giorno in cui non è saldato il debito.

I secondi, invece, si applicano dalla scadenza del termine di presentazione della dichiarazione e fino alla data di consegna all'agente dei ruoli nei quali tali somme sono iscritte a ruolo. La sanatoria, come accennato, non prevede nessuno sgravio delle sanzioni né dell'aggio della riscossione (il compenso percepito da Equitalia e dagli altri concessionari per l'attività svolta).

La cosa da notare bene è che la legge di stabilità è tassativa: bisogna pagare subito.

L'importo senza interessi andrà versato dal contribuente in un'unica soluzione, quindi per intero. E c'è una scadenza ben precisa in cui andrà fatto: venerdì 28 febbraio 2014.

Oltre quella data non si potrà più accedere alla sanatoria. Quindi al contribuente rimarranno le solite armi per difendersi: contenzioso (attenzione che il giudice è diverso a seconda del tipo di credito da riscuotere) o chiedere una rateazione del debito a Equitalia.

Per consentire la procedura la legge di stabilità ha anche previsto che la riscossione dei carichi interessati (le cartelle e gli avvisi esecutivi affidate a Equitalia entro il 31 ottobre 2013) resti sospesa fino al 15 marzo 2014. Una sospensione che inciderà anche sui termini di prescrizione, visto che saranno congelati anche quelli fino alla stessa data.

Da un lato, Equitalia dovrà informare dell'avvenuta estinzione del debito il contribuente interessato con una comunicazione tramite posta ordinaria.

Dall'altro lato, sempre il concessionario della riscossione entro la stessa data dovrà inviare agli enti creditori l'elenco dei debitori che hanno effettuato il versamento entro il 28 febbraio in modo da consentire a questi ultimi di eliminare dalle proprie scritture patrimoniali i crediti corrispondenti agli importi ormai già incassati.

31 dicembre 2013 · Paolo Rastelli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.