Cartelle esattoriali equitalia » la rottamazione porterà un risparmio del 30%

Cartelle esattoriali equitalia » La rottamazione porterà un risparmio del 30%

Equitalia: la rottamazione delle cartelle esattoriali porterà ad un risparmio di circa il 30%. È quanto rivela il relatore in Senato della legge di Stabilità, Antonio Dalì.

I morosi che accetteranno la possibilità offerta dalla legge, potranno pagare imposte e sanzioni, senza però gli onerosi interessi. L'obiettivo è recuperare risorse sbloccando il contenzioso.

Ricordiamo che la cartella esattoriale è un atto emesso dal Concessionario della Riscossione con il quale viene data comunicazione al contribuente della sua posizione debitoria nei confronti dell'ente impositore.

Con la riforma è disposto che relativamente ai carichi inclusi in ruoli emessi da ufficiali statali, agenzie fiscali, regioni, province e comuni e affidati agli agenti della riscossione fino al 31 ottobre 2013, i debitori possono estinguere il debito senza corrispondere interessi e con il pagamento: di una somma pari all'intero importo originariamente iscritto in ruolo, ovvero quello residuo; delle somme dovute a titolo di remunerazione.

Questo vuol dire che restano escluse le ultimissime cartelle esattoriali che non sono state neanche notificate.

Inoltre non sono menzionati i ruoli emessi dall'Inps, per i contributi assistenziali e previdenziali.

Entro il 30 maggio del prossimo anno, gli agenti di riscossione informeranno i debitori attraverso, attraverso posta ordinaria, che entro il 30 giugno 2014 potranno decidere di aderire versando almeno il 50% della somma dovuta.

Il restante importo dovrà essere versato entro il 16 settembre 2014.

Sono inoltre dovute le somme spettanti all'agente come compenso della riscossione. Questo significa che il debitore non dovrà versare solo l'aggio di riscossione, ridotto all'8% a partire dal primo gennaio scorso, ma anche il rimborso delle spese eventualmente sostenute dall'agente di Equitalia, a titolo ad esempio di notifica della cartella di pagamento o di iscrizione del fermo amministrativo.

Il risparmio è quindi rappresentato dagli interessi maturati dopo la notifica della cartella di pagamento o dopo l'affidamento del carico da parte dell'ente impositore.

Rispetto, quindi, alla prima formulazione dell'emendamento, la nuova versione del testo prevede il pagamento delle sanzioni che prima, invece, dovevano essere scontate.

I partiti ci tengono a non chiamarla sanatoria ma preferiscono parlare di «rottamazione» o «bonus».

Ma la sostanza non cambia. Le cartelle avranno un maxi sconto.

11 dicembre 2013 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartelle esattoriali equitalia » la rottamazione porterà un risparmio del 30%. Clicca qui.

Stai leggendo Cartelle esattoriali equitalia » la rottamazione porterà un risparmio del 30% Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 11 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 29 maggio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca