Accesso formale agli atti

  1. Il diritto di accesso deve essere esercitato in via formale qualora:
    1. non sia possibile l'accoglimento della richiesta in via informale;
    2. sia rilevata la presenza di controinteressati;
    3. vi siano dubbi in riferimento all'identità e/o alla legittimazione del richiedente, o circa la sussistenza dell'interesse vantato sotteso alla richiesta o in merito all'accessibilità del documento.
  2. Nella domanda si devono indicare:
    1. i dati identificativi del richiedente o dell'eventuale soggetto delegato;
    2. l'interesse connesso all'oggetto della richiesta;
    3. gli estremi del documento o gli elementi che ne consentono l'individuazione.
  3. Qualora vi siano controinteressati, il Responsabile del procedimento deve comunicare loro l'avvio del procedimento di accesso, mediante raccomandata con avviso di ricevimento o mediante posta elettronica certificata, con l'invito a presentare eventuali motivate osservazioni entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione.
  4. Qualora la richiesta sia incompleta o irregolare, il Responsabile del procedimento, entro dieci giorni dal ricevimento dell'istanza, è tenuto a darne comunicazione al richiedente nei modi e nei luoghi da quest'ultimo indicati, richiedendo contestualmente integrazione documentale o precisazione degli elementi sottesi alla domanda. In tal caso, il termine per procedere è sospeso e ricomincia a decorrere dalla data in cui Equitalia Servizi S.p.A. riceve la richiesta di accesso rispettivamente completata o perfezionata.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.