Mezzi di tutela in caso di inerzia o diniego del diritto di accesso agli atti

  1. In caso di inerzia nel riscontro dell'istanza da parte del Responsabile del procedimento e decorso infruttuosamente il termine previsto dal presente regolamento per l'evasione dell'istanza, il richiedente può rivolgersi al Direttore Generale affinché concluda il procedimento attraverso le strutture preposte, entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto.
  2. In caso di diniego espresso o tacito o di differimento del diritto all'accesso, il richiedente, nel termine di trenta giorni dalla comunicazione, può presentare richiesta finalizzata al riesame della determinazione assunta alla Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi, istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ovvero presentare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mezzi di tutela in caso di inerzia o diniego del diritto di accesso agli atti. Clicca qui.

Stai leggendo Mezzi di tutela in caso di inerzia o diniego del diritto di accesso agli atti Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 29 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 3 marzo 2017 Classificato nella categoria autotutela sgravio rimborso sospensione rottamazione sanatoria condono della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info