Vantaggi della rateizzazione della cartella esattoriale - Divieto di iscrivere ipoteca

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Dopo la presentazione della domanda di rateizzazione, l'Agente della riscossione non può più iscrivere ipoteca sugli immobili del debitore.

In tal senso dispone l'articolo 19, comma 1 quater, del Decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, numero 602, introdotto dall'articolo 1 del Decreto Legge numero 16/2012, secondo cui: "Ricevuta la richiesta di rateazione, l'agente della riscossione può iscrivere l'ipoteca di cui all'articolo 77 solo nel caso di mancato accoglimento dell'istanza, ovvero di decadenza ai sensi del comma 3. Sono fatte comunque salve le ipoteche già iscritte alla data di concessione della rateazione".

Prima del Decreto Legge numero 16/2012, la sola domanda di rateizzazione non era sufficiente ad impedire l'iscrizione dell'ipoteca; era invece necessario attendere l'accoglimento della domanda ed il pagamento della prima rata.

L'ipoteca è iscrivibile solo se l'istanza è respinta o se il debitore decade dal beneficio della rateizzazione.

Restano ferme le ipoteche iscritte prima della concessione della rateizzazione (sempre in base all'articolo 19, comma 1 quater, del Decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, numero 602, sopra citato).

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.