Presentazione della domanda di rateizzazione della cartella esattoriale

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La domanda di rateazione può essere presentata agli sportelli o a mezzo posta tramite raccomandata a/r all'Agente della riscossione.

La domanda deve comprendere tutto il debito iscritto a ruolo, con riferimento alle specifiche cartelle indicate dal contribuente. Questo vuol dire che il contribuente può anche scegliere le cartelle da rateizzare, ma il debito riportato nella cartella che ha indicato, dovrà essere rateizzato tutto.

Alla domanda deve essere allegato il documento di identità del richiedente (se si tratta di persona giuridica, deve essere allegata anche la visura camerale da cui risultano i poteri di rappresentanza), oltre ai documenti indicati nel paragrafo successivo.

La disciplina che regola la concessione del beneficio è differenziata a seconda che si tratti di persone fisiche o giuridiche e a seconda dell'importo del debito.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.