Equitalia: proroga rateazione cartelle esattoriali » Il termine ultimo è il 31 luglio 2014

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Fino al 31 luglio 2014, termine ultimo, è ancora possibile accedere alla proroga della rateazione delle cartelle esattoriali di Equitalia.

Come chiarito in precedenti interventi, grazie al decreto legge 66/2014, è stata concessa una nuova possibilità di rateazione ai contribuenti che, prima del 22 giugno 2013, erano decaduti da una precedente dilazione delle cartelle proposta da Equitalia.

Obiettivo della normativa, infatti, è venire in contro alle esigenze dei soggetti che non hanno potuto beneficiare della disciplina agevolativa introdotta dal Decreto del fare in tema di piani di rateazione di Equitalia.

La possibilità offerta è del tutto eccezionale, in quanto, di regola le rateazioni decadute non possono più essere dilazionate.

La nuova richiesta di rateizzazione prevede, però, regole più rigide da rispettare rispetto a quelle di un normale piano di rateazione.

Più precisamente è prevista:

  • durata massima del rateizzo fino a 72 rate mensili;
  • nessuna possibilità di proroga;
  • decadenza del rateizzo al mancato pagamento di 2 rate, anche non consecutive;
  • potrà essere rateizzato qualsiasi debito erariale, contributivo o locale, basta che la riscossione dello stesso sia stata affidata ad Equitalia.

Per poter beneficiare della nuova rateazione è necessario presentarsi presso uno degli uffici di Equitalia e compilare un'apposita modulistica specifica per questo tipo di richiesta.

La pratica viene poi evasa immediatamente dall'ufficio che rilascia il nuovo piano di rateazione, con le consuete modalità attuate in ambito ordinario.

Per ottenere il nuovo piano di rateizzo Equitalia si richiede il rispetto di alcuni adempimenti.

Per istanze di rateazione con debito inferiore ai 50.000 € non è prevista alcuna documentazione da allegare.

Per importi superiori le persone fisiche dovranno allegare l'ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) con i dati relativi ai redditi 2013.

Se invece a chiedere la rateizzazione è un'impresa è necessario calcolare l'indice di liquidità, che deve avere necessariamente un valore inferiore ad 1.

La possibilità di dilazione può essere una boccata di ossigeno sia per le famiglie in difficoltà, che potranno rinegoziare i propri debiti con l'Istituto di riscossione, sia per le imprese, che potranno grazie al rateizzo in essere, vedersi rilasciare un Durc in regola.

Inoltre, l'istanza di rateazione consente anche di bloccare eventuali pignoramenti di beni mobili, come ad esempio le tanto odiate ganasce fiscali.

Ricordate, il termine è il 31 luglio 2014.

22 luglio 2014 · Giuseppe Pennuto

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.