Equitalia » C'è la proroga della rateazione delle cartelle esattoriali

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Coloro che non hanno rispettato i termini di pagamento di una precedente dilazione delle cartelle esattoriali di Equitalia, potranno accedere di nuovo al beneficio della rateazione.

Il decreto legge numero 66/2014 convertito con modificazioni dalla legge numero 89 del 23 giugno 2014, consente ai contribuenti decaduti dal beneficio della rateazione alla data del 22 giugno 2013, di poter chiedere nuovamente un piano di dilazione fino a un massimo di 72 rate. La richiesta deve essere presentata entro il 31 luglio 2014. Il nuovo piano di dilazione concesso non è prorogabile e la decadenza interviene in caso di mancato pagamento di due rate anche non consecutive.

In pratica, i contribuenti ritardatari decaduti dal beneficio della rateazione Equitalia potranno chiedere, di nuovo, una dilazione in massimo 72 rate. La richiesta dovrà essere presentata entro il 31 luglio 2014. La rateizzazione potrà essere fatta in un massimo di 72 mesi, cioè sei anni.

Ammessi alla dilazione tutti i debiti, anche quelli relativi a contributi previdenziali non versati e non solo quelli di natura tributaria.

L'istanza volta ad ottenere il beneficio potrà essere presentata anche dopo la notifica dell'atto di pignoramento per fermare la vendita all'asta dell'immobile pignorato.

23 giugno 2014 · Andrea Ricciardi

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.