Equitalia » Sanatoria cartelle esattoriali: saltata la proroga al 31 marzo 2014

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Sanatoria delle cartelle esattoriali di Equitalia: improvviso cambio di rotta. Nessuna proroga al 31 marzo, a causa della mancata conversione del decreto salva Roma.

La sanatoria di equitalia

La sanatoria Equitalia prevedeva la possibilità per il contribuente di pagare in un'unica soluzione le cartelle esattoriali, o accertamenti esecutivi, ricevute entro il 31 ottobre 2013, entro il 28 febbraio 2014. In questo modo venivanoo azzerati gli interessi di mora e gli interessi di ritardata iscrizione a ruolo.

La Legge di Stabilità ha stabilito altresì la sospensione delle procedure di riscossione fino al 15 marzo 2014 (per il corrispondente periodo sono sospesi i termini di prescrizione).

La sanatoria Equitalia, tra le altre cose, era valida per:

  • multe non pagate per infrazione al Codice della strada;
  • bollo auto non pagato entro i limiti previsti.

Non vale invece per:

  • le somme da riscuotere per effetto di sentenze di condanna della Corte dei conti;
  • i contributi richiesti dagli enti previdenziali (INPS, INAIL);
  • i tributi locali non riscossi da Equitalia.

Sospensione della proroga al 31 Marzo 2014

Con la decisione del governo di ritirare il decreto legge Salva Roma è venuta meno anche la proroga di un mese (fino al 31 marzo) per la sanatoria delle cartelle di Equitalia.

E', quindi, domani 28 febbraio 2014, l'ultimo giorno utile per aderire al condono delle cartelle esattoriali che consente di chiudere i conti con l'agente della riscossione con lo sconto degli interessi, ma pagando tutto il dovuto in un'unica soluzione.

Insomma, una boccata d'ossigeno per i cittadini cancellata a meno di 48 ore dalla scadenza.

Tanto che appena la notizia si è diffusa, i contribuenti hanno preso d'assalto le sedi di Equitalia dove si sono registrate file lunghissima.

E chissà domani cosa accadrà.

28 febbraio 2014 · Andrea Ricciardi

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.