Equitalia e pignoramento presso la residenza del debitore » Una pratica sempre meno usata [Commento 2]

  • Rita 11 febbraio 2016 at 15:59

    Pongo un quesito per mia cugina: ha ricevuto dalla banca una raccomandata con la dicitura di atto di intimazione e di costituzione in mora ai sensi degli art.1219, con il totale di un debito iniziale di 6.417 euro di scopertura +3754 ,per rate scadute e non pagate di un debito,che non ha potuto più pagare.

    Mia cugina è pensionata, e con una detrazione del quinto arriva a 352 euro, abita in affitto, non ha beni mobili, perchè sono in comodato d'uso,e non ha immobili.

    E' convinta che le pignoreranno la pensione,le chiede,quale sarà il totale che le rimarrà della pensione?

    • Annapaola Ferri 11 febbraio 2016 at 16:33

      Per quanto riguarda la pensione del debitore, può essere pignorato solo il 20% di quanto eccede il minimo vitale (assegno sociale minimo) che si aggira intorno ai 500 euro (si tratta di una somma variabile di in anno in anno).

      Facciamo un esempio: supponiamo che sua cugina percepisca una pensione di 600 euro ed il minimo vitale ultimo fissato per legge sia 480 euro. Ebbene, in queste ipotesi a sua cugina può essere pignorato dal creditore procedente (la banca che ha inviato l'atto di intimazione) presso l'INPS (quindi alla fonte), solo il 20% di 120 euro, cioè 24 euro.

      Sua cugina farebbe bene a ritirare la pensione per contanti: se si serve dell'accredito in conto corrente potrebbe andare incontro a complicazioni in caso di pignoramento del conto corrente.

1 2

Torna all'articolo