Equitalia e pignoramento presso residenza debitore

Equitalia e pignoramento presso la residenza del debitore » Una pratica sempre meno usata

Il pignoramento mobiliare presso la residenza del debitore, è difficilmente utilizzato da equitalia: vediamo i motivi.

Coloro che vivono in un immobile in regime di affitto in comodato, e non possiedono altro che non i beni mobili che arredano l’appartamento, hanno poco da temere nei confronti di Equitalia.

Ciò, perché, in questi casi, il pignoramento mobiliare è particolarmente raro.

Equitalia ed il pignoramento presso la residenza del debitore

L'agente della riscossione procede al pignoramento di beni mobili solo quando ritiene che ne derivi una sicura utilità.

Si tratta dei casi in cui la particolare condizione sociale del debitore faccia fondatamente presumere l’esito fruttuoso di un eventuale accesso nella casa di abitazione, grazie al rinvenimento di cose di particolare pregio.

In parole povere, solo quando vi sia la certezza che, all'interno dell'abitazione, vi siano beni di valore di una certa consistenza come quadri costosi, gioielleria, eccetera.

Al contrario, è molto difficile che Equitalia possa pignorare beni come divani, televisori, scrivanie, ecc.

Nel corso degli anni, infatti, l'erario ha riscontrato come fosse antieconomico pignorare le suppellettili domestiche, che hanno in genere valore modesto o nullo sul mercato dell'usato.

Praticamente, è assai difficile rivendere all'asta degli arredi di seconda mano.

A questo si aggiunga, come sappiamo, che non tutti i beni mobili sono pignorabili.

Come abbiamo illustrato in precedenti articoli, difatti, il codice di procedura civile include tra i beni assolutamente impignorabili:

Ciò, perché questi oggetti sono considerati indispensabili al debitore ed alle persone della sua famiglia con lui conviventi, a condizione che non abbiano un significativo pregio artistico o di antiquariato.

Pignoramento di beni di proprietà di terzi

Ma che cosa accade quando i beni mobili sono di proprietà altrui?

In questa fattispecie è possibile, ad esempio, che chi sia in affitto disponga dei beni del proprietario di casa, utilizzati in comodato d’uso.

In questo caso, il pignoramento di beni di proprietà di terzi non è illegittimo se la proprietà del terzo di tali beni risulti da atto pubblico o da scrittura privata autenticata e se il titolo di proprietà abbia una data anteriore all'anno in cui si è verificato il presupposto che ha dato luogo all'iscrizione a ruolo.

Ricordiamo che la data deve essere certa.

Ciò avviene, di norma, con la registrazione dell'atto di comodato.

9 aprile 2014 · Stefano Iambrenghi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia e pignoramento presso residenza debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia e pignoramento presso residenza debitore Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 9 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria pignoramento presso residenza debitore - presunzione legale proprietà Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca