Ipoteca esattoriale sulla casa

Equitalia, comunque, a norma di legge, deve iscrivere obbligatoriamente l'ipoteca prima di avviare un pignoramento immobiliare.

Da notare, però, che la normativa vigente ha disposto due limiti di importi differenti: l'uno per procedere all'iscrizione dell'ipoteca da parte di Equitalia, l'altro per procedere al successivo pignoramento immobiliare.

Come chiarito in diversi articoli, difatti, Equitalia può iscrivere ipoteca solo per debiti complessivi non inferiori a 20.000 euro.

L'importo di 20.000 euro si riferisce al credito complessivamente da riscuotere da parte di Equitalia e quindi può accadere che l'ipoteca sia riferita a crediti di diversa natura: il limite deve computarsi anche sommando i ruoli formati da diversi enti, come ad esempio Inps ed Agenzia delle Entrate.

Infine, secondo l'orientamento giurisprudenziale, il debito è quantificato dal titolo indicato nella comunicazione di iscrizione ipotecaria, e non devono essere incluse voci diverse da quelle che compongono il debito tributario (capitale e interessi), quali compensi, diritti tabellari, spese di notifica, oppure spese di iscrizione ipotecaria e spese di cancellazione dell'ipoteca

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ipoteca esattoriale sulla casa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2