Equitalia: nuova rateazione delle cartelle esattoriali » Domanda entro il 31 luglio 2014

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Ultima, o forse no, chance per chi ha perso la possibilità di dilazionare le cartelle esattoriali: Equitalia riapre la rateizzazione: la domanda va presentata entro il prossimo 31 luglio.

Il legislatore ha recepito la proposta avanzata da Equitalia nell'audizione del 20 marzo 2014 in Parlamento.

Durante l'audizione era stata illustrata la possibilità di concedere una nuova chance ai contribuenti che avevano perso l'opportunità di pagare a rate prima del 22 giugno 2013, data di entrata in vigore del cosiddetto decreto del fare che ha introdotto condizioni più favorevoli rispetto al passato per i pagamenti rateali dei contribuenti.

Ci sono però alcuni limiti rispetto alle regole generali sulla rateizzazione: il nuovo piano concesso non è prorogabile e decade in caso di mancato pagamento di due rate anche non consecutive.

Dalle stime emerge un importo di circa 20 miliardi di euro che potrebbe essere rimesso in rateizzazione.

Il provvedimento va incontro alle esigenze dei contribuenti in difficoltà, che possono usufruire di nuove condizioni favorevoli per i pagamenti, garantendo al contempo il recupero degli
importi dovuti all'Erario, all'Inps, ai Comuni e ai vari enti pubblici creditori.

Le rateizzazioni si confermano la soluzione più adottata da famiglie e imprese per pagare le cartelle.

Ad oggi ne risultano attive 2,3 milioni per un importo di oltre 25 miliardi di euro.

Oltre alle consuete modalità di richiesta, adesso esiste anche una nuova possibilità riservata a chi per legge ha perso il beneficio della rateizzazione perché non in regola con i pagamenti alla data del 22 giugno 2013.

I contribuenti interessati potranno richiedere fino a un massimo di 72 rate (6 anni) presentando la domanda entro il 31 luglio 2014.

4 luglio 2014 · Gennaro Andele

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.