Equitalia ed interessi del 10% semestrali applicati a cartelle esattoriali originate da sanzioni amministrative

E' ovvio che può ricorrere, con ottime probabilità di successo, tuttavia deve fare anche una valutazione economica: alla fine otterrà, se le va bene, una riduzione degli interessi derivante dalla corretta applicazione di tassi legali. A ben vedere, infatti, la Cassazione non ha dichiarato illegittimi gli interessi applicati da Equitalia, bensì l'entità degli stessi. Dovrà, per contro, sostenere spese legali (almeno il contributo unificato e se vuol rinunciare all'assistenza di un avvocato, qualche giorno di lavoro perso per redigere il ricorso e presentarlo).

Ma, potrebbe trovare anche un giudice di pace che il giorno dell'udienza ha magari scoperto che la moglie lo tradisce e le rigetta il ricorso. Dovrà allora ricorrere in Cassazione, dove qualcuno, quando ci arriverà, potrebbe essere del parere che, a rifletterci bene, quel 10% di interessi praticato da Equitalia è pure poco.

Se invece il Giudice di Pace le desse ragione, metta in conto la possibilità che in Cassazione ci vada il Comune.

L'importante, come sempre, è affrontare le questioni con la piena consapevolezza dei pro e dei contro.

10 ottobre 2012 · Genny Manfredi

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia ed interessi del 10% semestrali applicati a cartelle esattoriali originate da sanzioni amministrative. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia ed interessi del 10% semestrali applicati a cartelle esattoriali originate da sanzioni amministrative Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 10 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info