Equitalia - presunta nullità della notifica diretta con raccomandata AR

Equitalia - cartelle esattoriali notificate via posta

Ho letto che c'è stata una recente sentenza che sembrerebbe rivoluzionaria, ovvero che le seguenti commissioni:

Commissione Tributaria Provinciale di Milano (PDF Sent. CTP di Milano numero 75/26/11)
Commissione Tributaria Provinciale di Parma numero 40/01/10
Commissione Tributaria Regionale di Roma numero 82/21/09
Giudice di Pace di Campi Salentina numero 559/10

Hanno emesso una sentenza secondo la quale l’iscrizione ipotecaria è illegittima se Equitalia non dimostra la corretta notifica di tutte le cartelle esattoriali per cui procede. Tale prova si ottiene solo con l’esibizione in giudizio, da parte del concessionario della riscossione, delle copie delle cartelle insieme alle rispettive relate di notifica.

Vorrei sapere se è vero e come noi umili contribuenti possiamo muoverci per avvalerci di queste sentenze che mi sembrano storiche!

E soprattutto vorrei sapere se si applicano anche per vecchie multe per le quali sono scaduti i tempi per il ricorso.

Equitalia e notifica delle cartelle esattoriali via posta - Bisognerà vedere cosa ne pensa la Corte di cassazione

Riporto la notizia sulla sentenza che dovrebbe condurre all'annullamento delle multe e e delle cartelle esattoriali notificate via posta, per meglio rendere ai lettori il senso della domanda posta nel topic.

Equitalia non può notificare le cartelle Valanga di ricorsi. Le multe consegnate dalla società possono essere annullate. Potrebbero essere nulle migliaia di cartelle esattoriali notificate per posta da Equitalia.

E non conta se siano state consegnate con o senza una raccomandata con ricevuta di ritorno. Equitalia non è un soggetto legittimato alla notifica degli atti. Almeno secondo una sentenza della Commissione Tributaria provinciale di Milano che sta per scatenare una valanga di ricorsi contro l'agenzia statale incaricata della riscossione nazionale dei tributi. Del resto è la stessa legge a prevedere che a notificare le cartelle siano gli ufficiali della riscossione, i messi comunali e gli agenti della polizia municipale. Non produrrebbero, quindi, nessun effetto, nei confronti del contribuente le notifiche di Equitalia che non rientra tra i soggetti legittimati. Per capire meglio il problema, però, è meglio ripercorrere la storia che ha portato a una sentenza (la 349/35/11 del Ctp di Milano) che farà giurisprudenza, salvo l'intervento della Cassazione.

Tutto ha inizio con la notifica di un avviso da parte di Equitalia a una società di un debito tributario derivante da una cartella inviata qualche anno prima. L'amministratore della società riteneva di non aver mai ricevuto questa cartella. Equitalia produceva in giudizio, però, la ricevuta di ritorno della raccomandata della cartella firmata da un «addetto alla ricezione atti», come aveva annotato il postino. Ma la società, dopo alcune ricerche, ha scoperto che la cartella era stata recapitata a un dipendente di un'altra società con sede nello stesso stabile.

Così i giudici hanno proceduto all'annullamento degli atti impugnati «per gravi vizi di notifica». Non solo, la Commissione tributaria milanese specifica anche che pur svolgendo il postino il ruolo di pubblico ufficiale, non tutte le sue dichiarazioni per essere sconfessate richiedono la querela di falso. «D'altronde - spiega l'avvocato Matteo Sances, esperto di diritto tributario e legale della Libera associazione consumatori europei, chiarisce sempre la commissione tributaria, se è pur vero che la querela di falso è prevista dal nostro codice di procedura civile come procedimento volto a far venire meno la valenza probatoria privilegiata di quanto dichiarato dal pubblico ufficiale, è pur vero anche che ciò vale esclusivamente per la descrizione dei fatti avvenuti in sua presenza ma non per ciò che è "frutto di informazioni da lui assunte o di indicazioni fornitegli da altri».

Le associazioni di consumatori si sono già mosse. In ballo ci sono milioni di euro a rischio (salvo il fatto che si possono incontrare giudici con un'opinione contraria e che, se la Cassazione si pronuncerà in altro modo, le notifiche della società saranno considerate regolari). «Le multe notificate solo dai dipendenti di Equitalia a mezzo posta - è l'opinione dell'avvocato Michele Gerace, per l'associazione "cento giovani" referente presso il Comitato Regionale degli Utenti e Consumatori - sono inesistenti e non producono nessun effetto nei confronti del cittadino contribuente. La portata della pronuncia della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha aperto la pista ai ricorsi di tutti coloro che hanno ricevuto per posta una multa da Equitalia».

24 ottobre 2012 · Tullio Solinas

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

cartelle esattoriali - domande e risposte, multe ricorsi e sinistri - domande e risposte

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia - presunta nullità della notifica diretta con raccomandata ar. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia - presunta nullità della notifica diretta con raccomandata AR Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 24 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca