Il postino mi dice che l'atto in giacenza è una cartella Equitalia

Ho trovato nella cassetta postale un avviso, di quelli fatti con la stampante portabile dei postini, di giacenza di una raccomandata indescritta, con invito a ritirarla entro 30 giorni.

Il giorno dopo il postino che non e' un messo notificatore mi ha detto che si trattava di una cartella equitalia.

Dopo 15 giorni non mi e' arrivata la raccomandata di tentata consegna e avvenuto deposito che di norma veniva mandata, all’ufficio postale mi dicono che non la mandano perche' la cartella equitalia in busta bianca raccomandata a. r. non e' un atto giudiziale.

Se non ritiro la cartella all’ufficio postale la notifica e' comunque valida senza l’invio della raccomandata suddetta ?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il postino mi dice che l'atto in giacenza è una cartella equitalia ed in generale su cartelle esattoriali - domande e risposte.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

  • Enrico Zaffalon 28 luglio 2014 at 14:53

    Grazie della CORTESE risposta e esaustiva, ma mi interessava capire se la notifica del 15 luglio 2014 è valida quando il documento della lettera riporta la data del 13 agosto 2013.
    Grazie

    • Simone di Saintjust 28 luglio 2014 at 15:20

      Una notifica correttamente perfezionata è sempre valida, ma è illegittimo notificare oggi un provvedimento disposto l’anno prima. Specie se quell’atto, un semplice preavviso, si è poi tramutato in un fermo effettivo, all’insaputa del destinatario.

      In ogni caso, per far valere le proprie ragioni (per far sancire la illegittimità di un atto) è necessario un ricorso. E, dunque, resta ancora in piedi la necessità di rispondere alle precisazioni cui si accennava nel precedente commento.

1 2