Equitalia e notifica cartella per mezzo posta come atto giudiziale

Il postino mi dice che l’atto in giacenza è una cartella Equitalia

Ho trovato nella cassetta postale un avviso, di quelli fatti con la stampante portabile dei postini, di giacenza di una raccomandata indescritta, con invito a ritirarla entro 30 giorni.

Il giorno dopo il postino che non è un messo notificatore mi ha detto che si trattava di una cartella equitalia.

Dopo 15 giorni non mi è arrivata la raccomandata di tentata consegna e avvenuto deposito che di norma veniva mandata, all’ufficio postale mi dicono che non la mandano perchè la cartella equitalia in busta bianca raccomandata a. r. non è un atto giudiziale.

Se non ritiro la cartella all’ufficio postale la notifica è comunque valida senza l’invio della raccomandata suddetta ?

Equitalia e notifiche cartella

Non escludo che il suo postino le riferisca di qualche nuova diavoleria pensata da Equitalia, oppure della trasposizione pratica di una nuova procedura conseguente a recente sentenza di Cassazione, che ancora non conosco.

Proverò ad approfondire la questione. Per quanto mi risulta al momento, quando si utilizza il servizio postale per la notifica, in caso di mancata consegna della cartella esattoriale, l’atto viene depositato presso l’ufficio postale e al destinatario le poste devono inviare una seconda raccomandata a/r che comunica l’avvenuta giacenza.

In questo caso la cartella si dà per notificata decorsi 10 giorni senza ritiro da parte del destinatario (compiuta giacenza).

Ho tuttavia il sospetto che la seconda raccomandata informativa di avvenuta giacenza le sia stata inviata e che non le è risultata irreperibile per la consegna. Parliamoci chiaro, alle poste fa gioco la ricevuta di invio, poi se il postino perde la raccomandata strada facendo il problema è solo del destinatario.

Io le suggerisco di procedere al ritiro. Anche perchè quando le saranno notificati gli atti esecutivi conseguenti al mancato pagamento della cartella e lei volesse ricorrere per omessa notifica della stessa cartella esattoriale, la cosa non sarà affatto semplice e scontata e potrà trovarsi di fronte all’amara sorpresa di vedere la controparte esibire la ricevuta di invio della seconda raccomandata informativa con una eventuale relata di irreperibilità temporanea del destinatario.

Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Equitalia e notifica cartella per mezzo posta come atto giudiziale Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il 25 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il 28 luglio 2014 Classificato nelle categorie cartelle esattoriali - domande e risposte Etichettato con tag , , , , , , , Archiviato nella sezione FAQ – domande e risposte frequenti » FAQ su cartelle esattoriali Letture 580 Numero di commenti e domande: 4 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda.

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

    Connect with:
  • Enrico Zaffalon 28 luglio 2014 at 14:53

    Grazie della CORTESE risposta e esaustiva, ma mi interessava capire se la notifica del 15 luglio 2014 è valida quando il documento della lettera riporta la data del 13 agosto 2013.
    Grazie

    • Simone di Saintjust 28 luglio 2014 at 15:20

      Una notifica correttamente perfezionata è sempre valida, ma è illegittimo notificare oggi un provvedimento disposto l’anno prima. Specie se quell’atto, un semplice preavviso, si è poi tramutato in un fermo effettivo, all’insaputa del destinatario.

      In ogni caso, per far valere le proprie ragioni (per far sancire la illegittimità di un atto) è necessario un ricorso. E, dunque, resta ancora in piedi la necessità di rispondere alle precisazioni cui si accennava nel precedente commento.

1 2