Equitalia e accordi saldo e stralcio

Equitalia accetterebbe mai una proposta a saldo e stralcio?

Ricevo cartella esattoriale di Equitalia superiore ai 10 mila euro: attualmente pago un prestito bancario di € 357 al mese e ho una trattenuta in busta paga pari a 1/20 (stabilito con sentenza del Tribunale).

Vivo in affitto.

Non ho beni immobili.  

I miei beni mobili sono di scarso valore e la mia auto è un catorcio.

Non soffermandomi su quanto presente nella cartella (multe prescritte - notificate dopo 7 anni) e evidentissimi segni di anatocismo, sapendo a cosa vado incontro, vorrei pagare.

Equitalia accetterebbe mai una proposta a saldo e stralcio?

Inoltre, il calcolo esatto del pignoramento della busta paga è:

- se ho anche solo 1/20, devono comunque mettersi in coda senza poter fare altro.
- possono pignorare la differenza (1/15)
- calcolano la metà del mio stipendio (al netto del pagamento del 20°+ della rata del prestito) e dividono per 5.

Chiedo infine se il blocco del conto corrente bancario da parte di Equitalia ha valore solo in un preciso momento  (in cui viene congelato quanto depositato a quella data), oppure se può perdurare (blocco di ogni importo che mese per mese viene versato.  In questo caso non potrei vivere e non si tratterebbe più del pignoramento di 1/5...)

Equitalia non prende nemmeno in considerazione accordi a saldo e stralcio

Sgombriamo subito il campo dagli equivoci: Equitalia non prende nemmeno in considerazione accordi a saldo e stralcio. Il suo ruolo è quello di riscuotere le somme indicategli dal creditore. Al massimo, l'accordo andrebbe proposto al creditore. Il dirigente o funzionario della PA che l'accettasse, ammesso che possa farlo, rischierebbe una denuncia, se non per abuso di ufficio (nell'ipotesi che possa farlo) comunque per concussione.

Lei ha attualmente una trattenuta del 5% sullo stipendio. Che, in caso di pignoramento, le vale quanto il due di coppe in una partita di briscola a bastoni, se la ritenuta non è conseguenza di azione esecutiva. Non conosco il tipo di trattenuta, ma, in ogni caso, essa non è rilevante nel contesto, restando pignorabile, nella migliore delle ipotesi, un altro 45% della retribuzione.

Lo stesso discorso vale per la rata che attualmente corrisponde alla finanziaria. Non se ne tiene conto in caso di pignoramento da parte di un altro creditore.

Non ho compreso bene i suoi calcoli, per quanto credo perfetti e puntualmente dettagliati, e di questo mi scuso.

Per quanto di mia conoscenza, lei rischia, non pagando i creditori, il pignoramento contemporaneo del 20% (per tutti i debiti verso banche, privati e finanziarie) e del X% per tutti i debiti alla cui riscossione è preposta  Equitalia (o un qualsiasi concessionario della PA).

La X, visto che fra le tante cose che ci riferisce, ha dimenticato quella relativa al reddito mensile percepito come lavoratore dipendente, sta per 10 (10%) se lo stipendio netto è inferiore a 2.500 euro, sta per 14,2 (14,2 %) se il suo stipendio netto arriva a 5 mila euro, sta per 20 (20%) se guadagna più di 5 mila euro al mese.

Una volta che il conto corrente è stato pignorato, non vanno a buon fine bonifici ed accrediti, così come i prelievi da RID.

17 settembre 2012 · Andrea Ricciardi

Approfondimenti e integrazioni

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

domande e risposte
cartelle esattoriali - domande e risposte
equitalia e accordi saldo e stralcio

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia e accordi saldo e stralcio. Clicca qui.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info

la sitemap del sito
staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti