\n\n

Nel 2013 avevo chiesto un rateizzo ad equitalia xdebiti irpef 1999 di 6000 circa, in quell'occasione mi avevano inviato un preavviso di fermo auto bloccato dal rateizzo,,ho pagato due rate e poi non ho potuto più pagare: ora mi è arrivata la notifica del fermo amministrativo e il termine di 30 gg x pagare il mio debito senza possibilità di rateizzazione,ma se non pago che cosa succede?

  • Imma Grasso 7 novembre 2014 at 23:16

    Nel 2013 avevo chiesto un rateizzo ad Equitalia xdebiti IRPEF 1999 di 6000,00 circa , in quell'occasione mi avevano inviato un preavviso di FERMO AUTO bloccato dal rateizzo,,ho pagato due rate e poi non ho potuto più pagare:
    Ora mi è arrivata la notifica del FERMO AMMINISTRATIVO e il termine di 30 gg x pagare il mio debito senza possibilità di rateizzazione,ma se non pago che cosa succede? mi sequestrano l'auto ? GRAZIE

    • Ludmilla Karadzic 8 novembre 2014 at 08:29

      Quando il veicolo è sottoposto a fermo amministrativo, ne è preclusa la circolazione anche se resta nella disponibilità del proprietario. Il fermo amministrativo, infatti, non incide sulla proprietà, tanto è vero che se non si produce la documentazione finalizzata ad ottenerne l'esenzione, si è comunque obbligati a pagare il bollo auto. Ma, cosa succede se, invece, il veicolo, nonostante sia sottoposto a fermo amministrativo, viene ugualmente messo su strada? Ad un controllo di polizia, vigili urbani, carabinieri ecc. si rischia una multa salatissima; con la recidiva il veicolo può anche essere sequestrato. Inoltre, cosa più importante, in caso di sinistro, le assicurazioni le provano tutte per non pagare i danni se il conducente del veicolo sottoposto a vincolo di fermo amministrativo ha ragione; e ad esercitare azione di rivalsa nei confronti del proprietario del veicolo qualora i danni debbano, invece, essere risarciti a terzi.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Torna all'articolo