Equitalia » Niente pagamenti da amministrazione per chi ha debiti

1. Equitalia » Chi ha pendenze tributarie non riceverà pagamenti dalla pubblica amministrazione per importi superiori a diecimila euro
2. La pubblica amministrazione deve interrogare equitalia prima di effettuare pagamenti superiori a 10.000 euro
3. P.a. ed equitalia: Chiarimenti

Equitalia » Chi ha pendenze tributarie non riceverà pagamenti dalla pubblica amministrazione per importi superiori a diecimila euro

Compensazione forzata: la Pubblica Amministrazione (PA), in debito per importi superiori a 10 mila euro, prima di pagare, deve interrogare Equitalia.

I soggetti pubblici, ovvero le pubbliche Amministrazioni e società a totale partecipazione pubblica, prima di effettuare un pagamento di importo superiore a 10.000 euro, devono procedere alla verifica di eventuali inadempienze tributarie da parte del soggetto beneficiario del pagamento stesso.

La pubblica amministrazione deve interrogare equitalia prima di effettuare pagamenti superiori a 10.000 euro

Le pubbliche amministrazioni che devono pagare, nei confronti di professionisti o aziende, cifre superiori a 10.000 euro, a qualunque titolo, prima del pagamento devono interpellare Equitalia per verificare se il contribuente ha debiti almeno pari a diecimila euro, come disposto dall'articolo 48 bis del DPR 602/1973.

Ciò si realizza con l'inoltro, da parte della P.A., di apposita richiesta a Equitalia Servizi spa la quale è preposta a controllare che non risulti nessun inadempimento a carico del beneficiario dell'obbligo di versamento, di ammontare complessivo pari almeno a euro 10mila, derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento relative a ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dall'01.01.2000.

Nel caso, poi, Equitalia comunichi che non risultano inadempimenti, ovvero non fornisca alcuna risposta nel termine previsto, il soggetto pubblico può procedere al pagamento a favore del beneficiario delle somme ad esso spettanti.

In caso contrario, qualora risulti un inadempimento, la richiesta del soggetto pubblico costituisce segnalazione ai sensi dell'articolo 48-bis, co. 1, DPR 602/1973.

Il soggetto pubblico, dunque, non procede al pagamento delle somme dovute al beneficiario fino alla concorrenza dell'ammontare del debito in attesa che gli venga notificato dall'agente della riscossione competente per territorio l'ordine di pagamento ex articolo 72-bis.

Ma cerchiamo di spiegarlo in parole più semplici.



P.a. ed equitalia: Chiarimenti

Se un’amministrazione pubblica deve effettuare un pagamento, superiore a diecimila euro, si deve previamente informare, presso equitalia, sull'esistenza di eventuali morosità per cifre almeno pari a 10.000 euro. In caso positivo, l’ente pubblico deve bloccare il pagamento e allertare l’agente della riscossione che disporrà il pignoramento del credito vantato dal soggetto moroso.

Questa è, praticamente, una compensazione obbligatoria che il contribuente subisce: una sorta, cioè, di pignoramento presso terzi tra il debito (pubblico) verso Equitalia e il credito (privato) vantato da imprese e professionisti nei confronti degli enti pubblici.

Tale verifica riguarda qualsiasi tipo di pagamento che superi 10mila euro, con la sola eccezione dei crediti pensionistici, in quanto si tratta di importi non pignorabili. Vi rientrano, invece, i crediti per retribuzioni, appalti e forniture.

Come accennato, equitalia risponde entro cinque giorni. In caso di mancata risposta entro tale termine, il pagamento può essere effettuato.

Se, invece, l'agente della di riscossione risconta tempestivamente carichi a ruolo pari ad almeno 10.000 euro, l’ente pubblico deve sospendere il pagamento, fino a concorrenza del debito a ruolo, comprensivo delle spese di esecuzione e degli interessi di mora. La residua somma, invece, va pagata.

Da notare bene che la sospensione non è a tempo indeterminato, ma può durare al massimo trenta giorni.

Entro tale termine, equitalia deve notificare un atto di pignoramento presso terzi, sia all'ente pubblico che al debitore moroso.

Per effetto del pignoramento, l’ente pubblico versa direttamente nelle casse dell'agente della riscossione l’ammontare a ruolo.

Qualora entro il medesimo termine di trenta giorni non dovesse pervenire alcun pignoramento, l’amministrazione è libera di pagare quanto dovuto al contribuente moroso.

1 aprile 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , ,

compensazione della cartella esattoriale, riscossione coattiva delle cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia » niente pagamenti da amministrazione per chi ha debiti. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia » Niente pagamenti da amministrazione per chi ha debiti Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 1 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria compensazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca