Equitalia: conseguenze per mancato pagamento cartella

Quali sono le conseguenze estreme alle quali si va incontro, se non si pagano delle cartelle Equitalia

Desideravo sapere quali sono le conseguenze estreme alle quali si va incontro, se non si pagano delle cartelle Equitalia per crediti richiesti dal Comune.

La causa è mancato pagamento tassa smaltimento rifiuti o mancato pagamento di una multa dei vigili urbani o mancato/errato pagamento bollo auto.

Volevo sapere se, il mancato pagamento di cui sopra, può comportare il pignoramento dello stipendio o pensione.

E se possono attingere ad un eventuale personale deposito di conto corrente postale del debitore.

Equitalia può ottenere,il pignoramento dello stipendio e quello del conto corrente

L'agente della riscossione (Equitalia) può ottenere, nel caso di omesso pagamento degli importi iscritti a ruolo notificati con la cartella esattoriale, il pignoramento dello stipendio e quello del conto corrente del debitore, tramite procedura esattoriale (cioè senza passare per un giudice, con il ricorso per decreto ingiuntivo).

21 settembre 2012 · Rosaria Proietti

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia: conseguenze per mancato pagamento cartella.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • martinaaaa 13 aprile 2015 at 21:54

    Mia madre ha ricevuto una cartella esattoriale di 13.000€ per un debito non pagato nel 2010. Ora lei non lavora, non ha una macchina, non ha un conto corrente e abitiamo in un appartamento in affitto, tutto quello che possediamo è intestato a mio padre. Abbiamo 60 giorni per pagare, ma ovviamente i soldi non ce li abbiamo, possono pignorare i beni di mio papà, il suo conto corrente o mettere il fermo alla sua auto?

    • Simone di Saintjust 14 aprile 2015 at 04:13

      Per debiti riconducibili all'omessso o insufficiente pagamento di imposte e/o IVA, accumulati nel corso di un'attività professionale o di impresa, la giurisprudenza è ormai orientata a ritenere che l'arricchimento che ne consegue sia finalizzato a soddisfare esigenze familiari.

      In un tale contesto, ed in linea puramente teorica, anche il coniuge formalmente non debitore potrebbe essere soggetto a riscossione coattiva.

      In ogni caso, in base al principio di presunzione legale di proprietà, tutti i beni presenti nel luogo in cui vive e risiede il debitore, sono esposti al pignoramento.