Equitalia » Possibile condono sulle cartelle esattoriali degli ultimi 5 anni

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Equitalia » Possibile condono sulle cartelle esattoriali degli ultimi 5 anni

Da quello che si dice, i contribuenti in pendenza con Equitalia potrebbero vedersi condonare le cartelle esattoriali degli ultimi 5 anni pagando solo le imposte, senza sanzioni e interessi, con uno sgravio che potrebbe arrivare anche a più del 50%. Volendo possiamo anche chiamarla "rottamazione" delle cartelle esattoriali.

La firma del ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, sul decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale venerdì 8 novembre 2013, che attua la rateazione fino a 10 anni dei debiti da riscuotere non è l'ultimo atto dell'operazione per limitare le barbarie di equitalia.

Il decreto del fare convertito la scorsa estate ha introdotto una serie di misure per tutelare maggiormente i contribuenti dalle azioni forti: dall'impignorabilità dell'abitazione principale e dei beni strumentali, vale a dire quelli utilizzati nell'attività d'impresa o di lavoro autonomo, fino alla possibilità di saltare otto rate senza decadere dal piano di rateazione.

Ora però spunta anche l'ipotesi di introdurre una via d'uscita soft per il pagamento delle cartelle emesse negli ultimi cinque anni.

Sarebbe una misura senza precedenti che potrebbe entrare nell'approvazione del Ddl di stabilità, ora all'esame del Senato, e di fatto sterilizzerebbe la componente delle sanzioni e degli interessi nell'importo complessivo dei debiti con il Fisco.

Dunque, se la misura attualmente rimessa al dibattito delle forse politiche verrà approvata in modo definitivo, i contribuenti potrebbero vedere un alleggerimento, in determinati casi, di oltre il 50% delle cartelle esattoriali.

Io non ci credo: e voi?

12 novembre 2013 · Patrizio Oliva

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.