Equitalia » Nulli gli atti fiscali spediti ad indirizzo errato del contribuente [Commento 1]

  • Pietro Vanc 2 ottobre 2015 at 06:01

    Ho recentemente scoperto nel sito dell` INPS di avere due cartelle emesse nel 2004 da Equitalia relative a Invim e tassa di registro riguardanti la vendita di un immobile nel 2000. Dal sito vedo ancora che hanno utilizzato per le notifiche il vecchio indirizzo presso l` abitazione che ho avuto fino al 1997 anno in cui mi trasferii definitivamente all` estero , notifiche superfluo aggiungere, di cui mai venuto a conoscenza

    Specifico che dal 97 sono iscritto all` AIRE ho una carta di identita` italiana recante la residenza nordamericana , ho varie volte rinnovato passaporto e dunque non sconosciuto o irreperibile .

    Mi chiedo: possono questi signori mettere le mani su la mia pensione? Hanno ancora valore queste cartelle? Perche` utilizzano per le notifiche indirizzi sbagliati quando hanno accesso e possibilita` di usare quelli corretti? Perche` dovrei pagare more e aggi per loro incuria?

    • Ornella De Bellis 2 ottobre 2015 at 08:10

      Inutile chiedersi perché lor signori effettuano notifiche a vanvera: questo è ancora il paese che ha lasciato nel 97 e ci dovrà pure essere una ragione, se non è stato l'unico, da allora, ad andar via.

      Le cartelle hanno valore finchè non vengono annullate, da loro stessi in autotutela su istanza del presunto debitore (ma è un rimedio che spesso non sortisce alcun effetto) oppure dal giudice adito. Ne consegue che lei non dovrà corrispondere more e aggi per incuria altrui, ma sarà certamente obbligato a perdere tempo e ad anticipare danaro per eccepire innanzi, al giudice delle esecuzioni, la nullità delle cartelle esattoriali, per vizi di notifica, se, e quando, sarà interessato da azioni esecutive promosse dal presunto creditore per il mancato pagamento di una pretesa che non ha alcun fondamento giuridico.

Torna all'articolo