Enel stressa un consumatore per il pagamento di una bolletta? » non c'è danno esistenziale

La società Enel pressa ingiustamente un consumatore per una bolletta: ciò nonostante non si configura un danno esistenziale.

Nonostante gli elementi portati dal consumatore, come la sindrome ansiosa-depressiva da lui sofferta, non si può ritenere provato il danno ipoteticamente legato alla condotta aziendale.

Questo, in breve, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 1362/14.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su enel stressa un consumatore per il pagamento di una bolletta? » non c'è danno esistenziale. Clicca qui.

Stai leggendo Enel stressa un consumatore per il pagamento di una bolletta? » non c'è danno esistenziale Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 24 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info