Le spese dell'azione esecutiva sono a carico del debitore, ma ...

A norma dell'articolo 491 del codice di procedura civile l'esecuzione forzata inizia con il pignoramento, che consiste in una ingiunzione che l'ufficiale giudiziario fa al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito i beni che si assoggettano ad espropriazione.

L'articolo 95 del codice di procedura civile stabilisce che le spese del processo esecutivo sostenute dal creditore procedente, e da quelli intervenuti che partecipano utilmente alla distribuzione, sono a carico di chi ha subito l'esecuzione.

Tuttavia, la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 20836 del 26 settembre 2006, ha sancito che l'articolo 95 del codice di procedura civile non può trovare applicazione nel caso di pignoramento negativo (infruttuoso), nel quale non può ravvisarsi l'inizio dell'esecuzione. Pertanto, è evidente che il pignoramento negativo (infruttuoso), a seguito della richiesta del creditore di pignorare i beni del debitore e dell'accertamento da parte dell'ufficiale giudiziario che non si rinvengono beni da assoggettare al vincolo pignoratizio, non può affatto integrare l'inizio del processo esecutivo.

Tale orientamento è stato ribadito con la sentenza del 12 aprile 2011, numero 8298, che ha così statuito: L'articolo 95 codice di procedura civile, nel porre a carico del debitore esecutato le spese sostenute dal creditore procedente e da quelli intervenuti che partecipano utilmente alla distribuzione, presuppone che il processo esecutivo sia iniziato con il pignoramento eseguito dall'ufficiale giudiziario. Pertanto detta disposizione non può trovare applicazione in caso di pignoramento negativo e di mancato inizio dell'espropriazione forzata, con la conseguenza che, divenuto inefficace il precetto per decorso del termine di novanta giorni, le spese di esso restano a carico dell'intimante, in forza del combinato disposto dell'articolo 310 e dell'articolo 632, ultimo comma, secondo il quale le spese del processo estinto restano a carico delle parti che le hanno anticipate.

Pertanto, se nel termine di novanta giorni dalla data di notifica del precetto al debitore, il creditore non riesce ad eseguire un pignoramento fruttuoso, il processo esecutivo si estingue e le spese sostenute dal creditore restano a suo carico.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le spese dell'azione esecutiva sono a carico del debitore, ma .... Clicca qui.

Stai leggendo Le spese dell'azione esecutiva sono a carico del debitore, ma ... Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 2 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca