E in tempi di rottamazioni spunta anche la rottamazione delle cartelle esattoriali

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui.

La ´rottamazione´ delle cartelle esattoriali, per recuperare tre milioni e mezzo di euro: è l´iniziativa dell´amministrazione comunale di Sant´Anastasia (Napoli), che nel prossimo Consiglio comunale porterà un regolamento per la definizione agevolata dei carichi iscritti nei ruoli esattoriali degli anni pregressi, a partire dal 1992.

Dopo il condono fiscale per l´Ici e la Tarsu, che ha fatto entrare nelle casse dell´ente circa un milione e centomila euro, con l´autodenuncia di 2450 contribuenti, ora l´amministrazione comunale guidata dal sindaco Carmine Pone, porterà all´attenzione del Consiglio un´altra iniziativa per completare il recupero dell´evasione tributaria, dando ai cittadini l´opportunità di regolarizzare, a condizione agevolata, la propria situazione debitoria.

Il procedimento sarà gestito da Equitalia. "Accanto alla rottamazione delle cartelle esattoriali - spiegano gli amministratori - continuerà la lotta all´evasione tributaria, con l´incrocio di banche dati catastali, ributarie e anagrafiche finalmente bonificate, per raggiungere il 30 per cento di evasori che non hanno potuto o voluto accedere al condono.

Quest´ultimo provvedimento - hanno concluso - ci permetterà di aumentare la capacità coercitiva dell´Ente e di rendere disponibili per futuri investimenti somme iscritte in bilancio, anche se non ancora incassate, altrimenti difficilmente recuperabili".

18 febbraio 2009 · Paolo Rastelli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca