Donne che vogliono mettersi in proprio » Impresa artigiana

È imprenditore artigiano colui che nell'impresa artigiana, sia in forma individuale che societaria, esercita personalmente l'attività assumendone la piena responsabilità con tutti gli oneri ed i rischi inerenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo.

L'impresa artigiana non può superare i limiti dimensionali previsti dalla legge, ha per scopo prevalente lo svolgimento di un'attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazioni di servizi. Non possono essere artigiane le imprese che svolgono in via principale le attività agricole e le attività di prestazione di servizi commerciali, di intermediazione nella circolazione dei beni, di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

Per i limiti dimensionali vengono considerati:

  • i collaboratori familiari dell'imprenditore;
  • i soci, tranne uno, che svolgono prevalentemente il lavoro personale nell'impresa artigiana;
  • i dipendenti qualunque sia la mansione svolta.

Non vengono invece considerati:

  • gli apprendisti, per un periodo di due anni, passati in qualifi ca e mantenuti in servizio dalla stessa impresa artigiana;
  • i lavoratori a domicilio, a patto che non superino un terzo dei dipendenti non apprendisti;
  • i portatori di handicap.
  • L'impresa artigiana viene annotata nell'apposita sezione speciale del Registro delle Imprese.

    Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

    Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su donne che vogliono mettersi in proprio » impresa artigiana.

    Commenti e domande dei lettori

    Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.