Donne che vogliono mettersi in proprio » lavoro autonomo

Tipologia e intensità dell'agevolazione

Le iniziative agevolabili possono riguardare:

  • produzione di beni;
  • fornitura di servizi;
  • commercio.

L'iniziativa deve essere realizzata "mettendosi in proprio" avviando un'attività imprenditoriale in forma di ditta individuale.

Si tratta di un mutuo agevolato, restituibile in cinque anni, nella misura del 50% del totale dei contributi concedibili per un importo non superiore a € 15.494,00 e di un contributo a fondo perduto per gli investimenti pari alla differenza tra gli investimenti (ritenuti ammissibili) e l'importo del finanziamento a tasso agevolato.

Per le spese di gestione sostenute nel primo anno di attività viene erogato un contributo a fondo perduto per un importo massimo di € 5.164,57. Limite massimo dell'investimento complessivo: € 25.823,00 al netto dell'Iva

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su donne che vogliono mettersi in proprio » lavoro autonomo. Clicca qui.

Stai leggendo Donne che vogliono mettersi in proprio » lavoro autonomo Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 11 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica . Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info