Donne che vogliono mettersi in proprio » Agevolazioni fiscali

Dal 1° gennaio 2012 è entrato in vigore il nuovo regime fiscale, introdotto con l'articolo 27 del decreto legge 98/2011, a favore dell'imprenditoria giovanile e dei lavoratori in mobilità.

Tale regime fiscale potrà essere adottato esclusivamente dalle persone fisiche per il periodo di imposta in cui l'attività è iniziata e nei quattro successivi quando:

  • il contribuente (neo-imprenditore) non abbia esercitato, nei 3 anni precedenti l'inizio dell'attività, attività artistica, professionale ovvero d'impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l'attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui l'attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell'esercizio di arti e professioni;
  • qualora venga proseguita un'attività d'impresa svolta in precedenza da altro soggetto, l'ammontare dei relativi ricavi, realizzati nel periodo d'imposta precedente quello di riconoscimento del beneficio fiscale non deve essere superiore a € 30.000.

A tali requisiti si aggiungono quelli precedentemente previsti per i contribuenti minimi, introdotti con Legge 244/2007 (Finanziaria 2008):

  • i ricavi/compensi nell'anno di inizio dell'attività non devono essere superiori a € 30.000;
  • assenza di lavoratori dipendenti o collaboratori (anche a progetto);
  • assenza di cessioni all'esportazione;
  • assenza di erogazione di utili da partecipazione agli associati con apporto di solo lavoro;
  • non superare in un triennio il limite di acquisto di beni strumentali, fissato in € 15.000.
  • Per i contribuenti (neo-imprenditori) più giovani, il regime sarà applicabile fi no al periodo d'imposta in cui essi compiono 35 anni e, quindi, anche oltre i 5 anni.

I contribuenti (neo-imprenditori) che iniziano un'attività d'impresa, arte o professione e che presumono di rispettare i requisiti previsti per l'applicazione del regime, pur non dovendo esprimere alcuna specifi ca opzione, hanno tuttavia l'obbligo di darne comunicazione nella dichiarazione di inizio attività.

I principali benefi ci consistono nell'esonero da:

  • liquidazione e versamento dell'imposta sul valore aggiunto
  • tenuta, conservazione e registrazione delle scritture contabili
  • comunicazione annuale e presentazione della dichiarazione ai fini IVA
  • versamento e dichiarazione ai fi ni dell'imposta sulle attività produttive
  • compilazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore e dei parametri
  • comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini IVA
  • comunicazione all'Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni effettuate nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi a fi scalità privilegiata.

Al reddito si applica un'imposta sostituiva dell'Irpef e delle addizionali regionali e comunali nella misura ridotta del 5 per cento.

Le persone fisiche che rientrano nel regime fiscale agevolato sono inoltre esenti dall'Irap.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su donne che vogliono mettersi in proprio » agevolazioni fiscali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.