Cartelle esattoriali - Mi è arrivata una richiesta di pagamento Tarsu che fa riferimento a una cartella notificatami mediante affissione all'albo comunale

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Mi è arrivata una richiesta di pagamento Tarsu per il 1998: in essa si fa riferimento a una cartella notificatami nel 2003 mediante affissione all'albo comunale. Interpellata Equitalia, la motivazione addotta è stata che a quel domicilio nel 2003 ero irrintracciabile, perciò è stata fatta l'affissione all'albo. Premesso che non ho mai cambiato abitazione e sul citofono c'è sempre il mio nome da 40 anni, vi chiedo se non sia possibile impugnare il provvedimento per vizi nella notifica, in quanto la legge (ancora) prevede che prima dell'affissione all'albo debba essere inviata una raccomandata, ed il creditore ne debba dare prova, in quanto non è certamente sufficiente il verbale del messo della riscossione che dica di non avermi trovato.

Non è, ovviamente, possibile affrontare in questa sede una questione specifica come quella contenuta in questo quesito senza acquisire maggiori dettagli relativi a tale questione. Siamo, naturalmente, disponibili a esaminare la problematica in un'altra sede, ricevendo dall'interessato gli estremi della cartella e acquisendo i necessari elementi informativi dal competente agente della riscossione.
Mio cognato ha una piccola attività di artigiano e qualche anno fa ha ricevuto delle cartelle esattoriali, che lui (non capendone niente) ha girato al suo commercialista. In sintesi, ora non avendo (sembrerebbe) il consulente fatto niente, la cosa è degenerata, e adesso il fisco pretende una cifra assurda. In poche parole, se il consulente non ha fatto alcun ricorso in tempo (come io temo) è possibile fare con Equitalia una transazione? Se ha sbagliato il commercialista mio cognato si può rifare su di lui?
Equitalia, naturalmente, non può entrare nel merito dei rapporti tra il contribuente e il professionista. Il contribuente, comunque, potrà chiedere la rateazione all'agente della riscossione, dimostrando l'esistenza di una temporanea situazione di obiettiva difficoltà.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • loredana 19 aprile 2011 at 18:06

    ho chiesto e ottenuto la MAGGIOR RATEAZIONE ad equitalia ,sto pagando regolarmente ma dopo aver chiesto l'estratto conto della mia situazione debitoria mi sono resa conto che LA MAGGIOR PARTE DELLE CARTELLE INSERITE NELLA RATEAZIONE RISULTANO ESSERE NULLE O DECADUTE O NON LEGITTIME.A questpo punto mi chiedo POSSO RICORRERE ? E LE DILAZIONI DI PAGAMENTO CHE FINE FANNO? grazie

    • cocco bill 19 aprile 2011 at 19:10

      Ciao Loredana. Il tuo quesito andrebbe riproposto nella sezione "tasse e cartelle esattoriali" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrai inserire il tuo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatrice, non registrata.

    1 32 33 34