tarsu - mancata denuncia al comune

Domanda di la lauretta
15 maggio 2012 at 09:18

Nel 2006 ho stipulato un contratto d'affitto per un appartamento. La proprietaria non mi ha mai menzionato la questione "tassa sui rifiuti" e, ammetto per mia ignoranza, non me ne sono mai interessata, pensando se ne occupasse direttamente lei.

Sono arrivata a questa conclusione perchè ad ottobre, cambiando locazione, il nuovo proprietario mi ha sottoposto la cosa. Andando quindi in comune per la nuova domanda, il funzionario mi ha anche chiesto del mio alloggio precedente ed ho ammesso di non aver mai fatto domanda e ho consegnato anche i documenti dell'appartamento precedente.

Non c'è un limite di tempo e quindi la possibilità di astenermi dal pagare? Non mi hanno mai inviato nulla in tutto questo tempo. E comunque, a quanto possono ammontare gli interessi?

Risposta di Simonetta Folliero
15 maggio 2012 at 10:10

C'è un limite di tempo, rappresentato da una finestra temporale quinquennale a ritroso. In pratica lei pagherà la Tarsu dal momento in cui ha lasciato l'appartamento per gli antecedenti cinque anni, o per il periodo in cui ha soggiornato nell'appartamento, se inferiore.

La misura annua degli interessi è determinata, da ciascun ente impositore, nel limite massimo di tre punti percentuali di differenza in più rispetto al tasso di interesse legale dell'anno di riferimento. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili.

Le sanzioni, sono pari al 25% dell'imposta dovuta, se paga entro 60 giorni (acquiescenza) dall'avviso di accertamento, quando le sarà notificato.