Spese conto corrente pignorato

Domanda di Pippo
11 novembre 2015 at 14:28

A novembre 2014 è stato pignorato da terzi il conto corrente bancario di mia madre dove lei percepiva la pensione e cointestato a me e ad una altro familiare.

La banca ha provveduto a congelare un terzo della somma giacente sul conto che però non copre l'importo totale. a distanza di un anno mi chiedono il pagamento delle spese sostenendo che il conto è ancora attivo: verrà chiuso solo quando ci sarà tutto l'importo richiesto dal debitore.

Tenendo presente che io su quel conto non ho intenzione e di metterci un centesimo e che sullo stipendio avevo già un pignoramento, una delega e una cessione, adesso poi fino a dicembre lavorerò , poi verrò licenziato per raggiungimento del computo malattia essendo invalido al 100%.

Vi chiedo, perché del conto congelato da più di un anno mi devono far pagare le spese?

E' vero che per un atto di precetto può essere richiesto un solo pignoramento e se il conto corrente non aveva fondi necessari a coprire il debito non possono richiedere un altro pignoramento?

Risposta di Simonetta Folliero
11 novembre 2015 at 14:57

Il pignoramento del conto corrente perde efficacia quando sono trascorsi novanta giorni senza che sia stata chiesta l'assegnazione della somma pignorata.

Le occorre un avvocato che segua la problematica chiedendo l'assegnazione al creditore procedente della somma congelata con successiva "liberazione del conto corrente".

Potrà così procedere a chiudere il rapporto di conto corrente: fino a quel momento le spese di gestione sono dovute alla banca.