Sono in debito con l'Agenzia delle entrate e temo per la mia pensione

Domanda di Oprea
26 aprile 2016 at 14:40

In riferimento alla mia precedente domanda, vorrei aggiungere che io vivo in Romania da tre anni e per la mia ignoranza non ho mai fatto cambio residenza, quindi risulto ancora in italia. Mi arriva un avviso pagamento dalla agenzia delle entrate che ritira una mia cugina. Io in buona fede mando una commercialista a vedere di cosa si tratta e lei mi dice che e arrivato da pagare 1600 euro che ha fatto la rateizzazione e che se non pago il premio si triplica.

Io non ho un lavoro in Romania e neanche mio marito, ho tre bambini a carico e per me era impossibile pagare. Adesso sono trascorsi 6 mesi, la rateizzazione e scaduta da un po' , se mando un commercialista di nuovo ho sempre paura di questa cifra che sogno sempre triplicata. M avrei la possibilità di fare le rate?

Se faccio adesso cambio di residenza cosa cambia? Dovrò comunque pagare? Questi debiti si prescrivono? Oppure no? Quando andrò a chiedere la pensione allo stato italiano, visto che ho lavorato per 15 anni in italia con documenti apposto, allora ciao pensione? Sono disperata anche perché non trovo nessuno che mi possa prestare questi soldi.

Risposta di Ornella De Bellis
26 aprile 2016 at 15:14

Per quel che attiene la rateazione stipulata con l'Agenzia delle entrate, il mancato pagamento della prima rata entro il termine di trenta giorni dal ricevimento della comunicazione, ovvero di una delle rate diverse dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva, comporta la decadenza dal beneficio della rateazione e l'iscrizione a ruolo dei residui importi dovuti a titolo di imposta, interessi e sanzioni in misura piena.

Quindi credo che possa dire addio ad una ulteriore rateazione del debito. Cambiare residenza adesso non le servirà a nulla, inutile contare nella prescrizione o in difetti di notifica.

Il suggerimento è quello di non pensare alla triplicazione del debito ogni sei mesi (crediamo che la commercialista a cui si è rivolta abbia un pochino esagerato). Peraltro, se non si hanno soldi per pagare è inutile dannarsi l'anima.

Non perderà la pensione per questo debito. Nel momento in cui percepirà la pensione, quello che potrà capitarle è il pignoramento del 10% della somma che eccede il minimo vitale.

Per farle un esempio pratico, dovesse aver diritto a 1500 euro al mese, verranno prelevati dall'INPS (e versati all'Agenzia delle entrate) circa cento euro al mese per sanare il debito, qualunque sia la cifra a cui quel giorno potrà essere arrivato, con aggio, spese ed interessi moratori, l'originario importo di mille e seicento euro. Anche se il debito si fosse centuplicato, toccando i 160.000 euro, sempre cento euro al mese le toglieranno.