separazione assegno di mantenimento

Domanda di gian959
17 giugno 2012 at 23:42

Mia moglie ha chiesto la separazione cercando di addebitare la colpa a me e chiedendo un assegno di mantenimento, non abbiamo figli, attualmente ho 57 anni e sono disoccupato da 7 anni, per completare il quadro ho la mia casa pignorata e andra all'asta tra pochi giorni, ora abito da solo nell'abitazione di proprietà di mia moglie che però lei non occupa più essendosi trasferita a vivere con un altra persona anche se ha dichiarato di vivere qui e quindi chiede il mio allontanamento, lei ha un reddito da lavoro dipendente precario e percepisce anche la disoccupazione. io l'unica proprietà che ho è una auto utilitaria che per altro è ferma da un anno causa mancanza di polizza assicurativa, sono molto preoccupato anche perchè non mi posso pagare un avvocato, cosa potrebbe accadere alla prima udienza?

Risposta di Annapaola Ferri
18 giugno 2012 at 06:52

Lei ha bisogno di un avvocato, altrimenti sua moglie la fa a fettine.

Peraltro convivendo sua moglie con altra persona, e potendo far confermare questa circostanza da testimonianze, anche investigative, gli addebiti possono essere posti a carico di sua moglie.

Con un'assistenza legale appropriata, lei potrebbe vedersi riconosciuti gli alimenti ed attribuita l'assegnazione della casa coniugale di proprietà della moglie.

Si tratta di un investimento per il futuro. Si faccia aiutare da parenti o amici per poter almeno corrispondere un anticipo al professionista che dovrà assisterla nella causa di separazione.