obbligo di pagamento

Domanda di Alessandro
18 dicembre 2011 at 10:00

In seguito a sinistro stradale in cui procedevo su una bicicletta (non assicurato), sono stato citato in giudizio e la sentenza del giudice mi dichiara come responsabile del sinistro con obbligo di pagamento di una cifra di all'incirca 50mila euro.

Al momento non ho ancora ricevuto richiesta di risarcimento da parte della parte lesa, ma sono sicuro che non tarderà ad arrivare.

Dal punto di vista patrimoniale sono assolutamente nullatenente. La casa in cui vivo, l'auto che guido, il mio telefono, il PC, qualunque oggetto di minimo valore è di proprietà dell'azienda multinazionale di cui sono dipendente.

Sono assunto a tempo indeterminato con un salario di circa 2600euro mensili medi (In realtà sono 2300 euro x 14 mensilità).

Ho sentito varie voci discordanti a riguardo di come potrebbe procedere la questione.

C'è chi mi dice che, essendo io nullatenente e non avendo un'assicurazione a coprire i danni, non è possibile da parte mia risarcire il danno, motivo per cui la parte lesa potrà rivolgersi per il risarcimento al Fondo Vittime per la Strada.

Dall'altro canto c'è chi mi dice che, avendo io un reddito da lavoratore dipendente a tempo indeterminato, è possibile che mi venga pignorata parte del salario mensilmente fino all'estinzione del debito.

Qual è la versione realistica?

Risposta di Ludmilla Karadzic
18 dicembre 2011 at 12:09

Il risarcimento verrà erogato direttamente dal fondo vittime della strada. La vittima verrà risarcita indipendentemente dalla capacità economica e patrimoniale del soggetto che ha provocato il danno. Il che mi sembra giusto.

Successivamente la CONSAP iscriverà a ruolo l'importo e darà mandato ad Equitalia per la riscossione coattiva di quanto la comunità ha dovuto elargire.

Se lei ha uno stipendio, dovrà subire, pertanto, il pignoramento di una quota pari ad un quinto (compreso TFR) fino a copertura del debito.