Scadenza decreto ingiuntivo e precetto

Domanda di fab6816
24 novembre 2015 at 11:05

Avendo subito tre pignoramenti dello stipendio circa 11 anni fa per il primo stanno procedendo a trattenermi un quinto mentre gli altri sono stati messi in coda.

Oggi l'azienda per cui lavoro ha deciso di chiudere e di licenziare i dipendenti: naturalmente il primo credito non è stato ancora soddisfatto del tutto e non verrà ripagato neanche con il quinto del tfr.

Ora, sono a chiedervi se dovessi trovare un nuovo lavoro tutti e tre i crediti essendo già passati più di 10 anni dal decreto ingiuntivo e dal precetto, prima di agire nel nuovo pignoramento devono fare un nuovo decreto ingiuntivo e un nuovo precetto prima di procedere ad un nuovo pignoramento?

Risposta di Lilla De Angelis
24 novembre 2015 at 11:24

Naturalmente, un nuovo precetto dovrà essere notificato al nuovo datore di lavoro del debitore, acché il creditore possa procedere al pignoramento dello stipendio.

Il decreto ingiuntivo, invece, avendo accertato l'esistenza del credito e la sua esigibilità, non va rinnovato e serve ad ottenere il precetto.

Il debitore può opporsi all'esecuzione se ritiene che il nuovo precetto si basi su un titolo esecutivo, quale il decreto ingiuntivo, ormai prescritto.

Il termine decennale per la prescrizione del decreto ingiuntivo che ha originato il pignoramento in corso prima del licenziamento, decorre dalla data dell'ultimo prelievo.

Il termine decennale per la prescrizione del decreto ingiuntivo ottenuto dagli altri creditori, i quali avevano promosso azione esecutiva (risultata poi infruttuosa) di pignoramento presso terzi, decorre dalla data di notifica del precetto che fu a suo tempo inoltrata al debitore ed al terzo pignorato o dalla data di notifica (anche per compiuta giacenza) di successive comunicazioni inoltrate al debitore allo scopo di esigere il credito e, quindi, utili ad interrompere la prescrizione.