Riscossione tributo sotto i limiti minimi imposti dalla legge

Domanda di PaolaM
16 dicembre 2015 at 06:45

L'ente preposto alla riscossione della TARI dalle mie parti, a seguito a verifica metri quadri, ha riscontrato qualche metro quadro di differenza in più ; mi ha quindi inviato (con raccomandata) la richiesta per riscuotere la differenza relativa ai 3 anni passati (infedele denuncia!), nonostante per ogni anno l'importo non superi i limiti di 30 euro per anno di imposta, indicati dalla legge D.l. n. 16/2012 (aumentato rispetto all'importo minimo previsto dal DPR 129/1999 che era pari a 16,53 euro, per procedere all'iscrizione a ruolo e alla conseguente riscossione dei crediti relativi ai tributi erariali, regionali e locali).

Anzi ogni anno l'importo è inferiore a 16,37 euro interessi e sanzioni incluse!

Cosa occorre fare per richiedere l'annullamento, visto che andando all'ente preposto, l'addetto mi ha detto che non c'è nulla da fare e devo pagarla?

Risposta di Giorgio Valli
16 dicembre 2015 at 09:39

La normativa a cui lei fa correttamente riferimento non si applica qualora il credito tributario derivi da ripetuta violazione, per almeno un biennio, degli obblighi di versamento concernenti un medesimo tributo. Mi spiace.