Rinegoziazione mutuo e segnalazione come cattivo pagatore

Domanda di ifurcas
13 giugno 2016 at 15:31

Vorrei chiedere alla stessa banca con la quale ho il mutuo (sempre pagato regolarmente) la rinegoziazione dello stesso per avere una rata di molto più bassa di quella attuale visto i tassi molto minori rispetto a quando stipulai il contratto di mutuo.

La mia domanda è: essendo segnalato come cattivo pagatore in quanto per gravi difficoltà economiche non sono più riuscito a pagare un finanziamento, credete che possa ottenere la riduzione delle rate oppure la banca dovrà fare un nuovo contratto e quindi obbligatoriamente dovrà verificare l'iscrizione nelle varie crif, expedian ecc.?

Risposta di Piero Ciottoli
13 giugno 2016 at 15:50

Il diritto alla rinegoziazione del finanziamento è circoscritto alla sola categoria dei mutui a tasso variabile per l'acquisto, la costruzione e la ristrutturazione dell'abitazione principale.

Nel caso dei mutui a tasso fisso non è ipotizzabile alcun diritto alla rinegoziazione, ma solo la possibilità che - nell'ambito dell'autonomia negoziale - le parti modifichino volontariamente le condizioni contrattuali a suo tempo convenute.

Noi crediamo che, indipendentemente dall'avvenuta iscrizione del mutuatario nella Centrale Rischi dei cattivi pagatori dopo la sottoscrizione del contratto, la banca rifiuterà la rinegoziazione.

La strada maestra, per far fronte ad esigenze come quella da lei prospettata, è rappresentata dalla portabilità o surroga del mutuo: tuttavia, questa soluzione le è preclusa proprio in ragione della sua iscrizione nella lista dei debitori inadempienti.