recupero indebito da pensione INPS

Domanda di zatus
29 novembre 2014 at 21:48

L'Inps ha scritto, in data 17/12/2014 agli eredi che nel periodo 01/01/2002 al 31/12/2004, sono stati pagati euro 578,89 in più sulla pensione del dante causa (categoria invalidi civili). Per il seguente motivo: E' stata corrisposta la maggiorazione sociale o l'aumento sociale della pensione non spettante a causa del possesso di redditi di importo superiore ai limiti stabiliti della legge.
Gli eredi devono pagare questo debito oppure si è prescritto.

Risposta di Annapaola Ferri
30 novembre 2014 at 05:47

L'omessa od incompleta segnalazione (modello RED), da parte del pensionato, di fatti reddituali incidenti sul diritto o sulla misura della pensione goduta, che non siano già conosciuti dall'INPS, consente la ripetibilità delle somme indebitamente percepite.

Nel caso in cui sussistano le condizioni per la ripetibilità da parte dell'Istituto delle somme indebitamente erogate, il relativo diritto di credito soggiace al termine ordinario di prescrizione decennale.

Il termine decennale di prescrizione del credito decorre dalla data in cui è stato effettuato il pagamento indebito. Qualora, tuttavia, l'indebito sia da ricollegare a situazioni che dovevano essere comunicate dall'interessato, il termine di prescrizione decorre dalla data della comunicazione stessa.

Nei casi di ripetibilità del credito non si dà luogo al recupero nei confronti degli eredi se questi hanno rinunciato alla eredità.