Recupero crediti per mio zio defunto

Domanda di Valentina
14 aprile 2016 at 06:01

Recentemente è venuto a mancare mio zio invalido al 100% che come unica fonte di reddito percepiva l'assegno di invalidità più accompagnamento su libretto postale. Ha anche un conto corrente in banca, in rosso solo di interessi e in più doveva pagare delle rate per un finanziamento saldato solo in parte, dove alla fine è arrivato il recupero crediti.

A questo punto non avendo beni immobili e il libretto postale vuoto, come devo muovermi? Non è ancora stata fatta la successione ma in questo caso chi deve pagare? Chi deve chiudere eventualmente i due conti? Non aveva né moglie né figli, solo 3 fratelli e un nipote che viveva con lui per occuparsene.

Risposta di Annapaola Ferri
14 aprile 2016 at 10:14

L'eredità e quindi i debiti (l'importo in rosso del conto corrente ed il rimborso residuo per il finanziamento erogato in vita al defunto) toccano in parti uguali ai tre fratelli superstiti (supponiamo che il nipote sia il figlio di uno di questi).

Per evitare problemi con il recupero crediti sarebbe opportuno presentare, presso il Tribunale territorialmente competente (la circoscrizione giudiziaria in cui si è verificato il decesso) istanza di rinuncia all'eredità.

Se i fratelli del de cuius non sono entrati in possesso di alcun bene di proprietà del defunto, la rinuncia all'eredità può essere presentata entro dieci anni dalla data del decesso.

Ma, una volta che sono stati formalmente interrotti i termini di prescrizione da parte del creditore (invio di una raccomandata AR ai chiamati all'eredità), conviene attivarsi per rinunciare e per far fronte, così, a qualsiasi pretesa di rimborso.