prescrizione crediti INPS

Domanda di Giusy81
26 maggio 2012 at 14:49

RingrazianoVi anticipatmente per l'esaustiva risposta fornita al mio quesito e scusandomi, se nonostante le dettagliate informazioni sono di nuovo a disturbarVi, vorrei tornare sull'argomento ponendo una domanda per un chiarimento.Non capisco bene la frase del precedente post in cui si dice:"... che per i crediti contributivi del ’98 e ’99 sicuramente non è intervenuta prescrizione. Qualche dubbio c'è per quanto riguarda i crediti contributivi risalenti al ’95 perchè bisognerebbe sapere se è stato compiuto, dall'INPS, un atto interruttivo prima del 17 agosto 1995″. Orbene seguendo le disposizioni di legge che mi avete fornito faccio confusione nel computo dei termini di prescrizione.....Mi chiedo e vi chiedo, ma se il credito risale agli anni 98 e 99 e la lettera è stata inviata nel 2010, sulla base della legge i Termini di prescrizione per contributi successivi al 1 gennaio 1996 sono dunque di cinque anni? Desidererei ricevere maggiori delucidazioni in merito al computo dei termini di prescrizione e decadenza.Grazie

Risposta di Roberto Petrella
26 maggio 2012 at 16:35

L'equivoco, presumibilmente nasce dal significato che io e lei, in modo difforme, abbiamo attribuito al termine "nota".

Io ho inteso "nota" come comunicazione notificata. Su questa base ne è seguito il ragionamento sviluppato nell'altro post e che qui riassumo.

Se il 16 agosto 1995 (solo per fare un esempio limite) è stata notificata a suo padre (anche per compiuta giacenza) una comunicazione di messa in mora, la successiva nota del 25 maggio 2005 (nei termini di prescrizione decennali) rinnova i termini di prescrizione decennali (fino al 2015 UNICREDIT può esigere il credito anche se non notifica formalmente altro a suo padre).

Per quanto attiene i crediti riferiti al 98 e 99 parto dal presupposto che suo padre rientri in una delle gestioni pensionistiche obbligatorie. In questo caso la prescrizione è decennale e le comunicazioni dell'agosto 2005 ne interrompono ancora i termini.

Se invece, come mi auguro per suo padre, per "nota" va intesa una semplice annotazione presente nel cassetto INPS, allora il discorso è completamente diverso.

Con questo valore semantico attribuito al termine "nota" tutti i crediti risulterebbero prescritti.

Il che conferma che il "saldo stralcio" proposto da UNICREDIT è motivato esclusivamente dalla consapevolezza dell'inesigibilità del credito.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili - cliccare sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Briciole di pane

Altre info



Cerca