Precisazioni al post: Postino non consegna avviso per indirizzo sconosciuto

Domanda di Giovanni
12 marzo 2015 at 18:50

Riprendo il mio post dal titolo postino non consegna avviso per indirizzo sconosciuto, per specificare alcune cose: vengo dall'ufficio Equitalia proprio ora al quale ho chiesto una relata di notifica.

A loro le raccomandate risultano ritornate con la motivazione “Indirizzo insufficiente” (nel mio precedente post avevo invece indicato “Indirizzo sconosciuto” perchè così dettomi alla posta).

Alla posta dicono è perchè l'indirizzo manca del numero civico e quando questo non c'è il postino non può individuare l'abitazione (per questo ho una casella postale alla posta dove però le cartelle non potevano arrivare perchè queste possono essere indirizzate solo al domicilio fiscale, appunto senza numero civico).

Quindi io penso che loro effettivamente (senza dire il falso) abbiano in un certo senso ragione a non consegnare gli avvisi se non vi è numero civico.

Nonostante il mio comune è piccolo e i postini sanno esattamente che abbiamo una casella postale all'ufficio, al contempo in posta mi dicono però che non possono consegnare a caselle postali avvisi di atti ufficiali indirizzati a domicili fiscali.

Do quindi per assodato che il postino non conoscesse effettivamente l'indirizzo ma, al contempo, io non ci posso fare niente se la mia abitazione è senza numero civico (se non cercare appunto di rimediare aprendo prontamente una casella postale, dove però non mi consegnano gli atti ufficiali).

Quando me ne sono accorto ho anche cercato di far modificare all'ufficio anagrafe il mio indirizzo di residenza aggiungendo che ho una casella postale, ma anche qui mi hanno risposto che non è possibile.

Concludendo mi chiedo (ovviamente da ignorante e in una situazione che mi appare paradossale) come - se Il postino non trova la mia abitazione, se non può consegnare ne raccomandate ne avvisi alla mia casella postale e io non posso indicare sul mio indirizzo di residenza che ho una casella postale – avrei dovuto immaginare che c'è una raccomandata in giacenza per me?

Ringrazio ancora una volta per la vostra gentilissima assistenza.

Risposta di Giorgio Valli
12 marzo 2015 at 18:57

Un bel guazzabuglio, non c'è che dire: mi spiace per lei la cui buona fede appare acclarata, ma, in queste condizioni, temo velleitario qualsiasi tentativo di ottenere ragione con un ricorso, visto che Comune (che non attribuisce numero civico), Equitalia e Poste Italiane giocheranno a ping pong per evitare assunzioni di responsabilità.

Per il futuro le suggerisco di eleggere domicilio fiscale presso un commercialista abilitato, in modo che eventuali comunicazione dell'Agenzia delle entrate (e, nel caso, le successive cartelle di Equitalia) vengano inoltrate al professionista di fiducia.