Pignoramento stipendio e cessione del quinto

Domanda di sbrindisi
2 febbraio 2015 at 18:10

Dipendente da Amministrazione dello Stato con stipendio mensile netto di 2 e 300 euro sul quale viene trattenuta una cessione di euro 260,00 e una rata delega di euro 240.

Domanda: ai sensi dell'art. 68 per un successivo pignoramento ordinario si applica l'aliquota di 1/5 sulla risultante della metà dello stipendio detratte la cessione e la rata delega oppure è pignorabile l'intera somma (e non per 1/5) per come sopra calcolata?

Risposta di Simone di Saintjust
2 febbraio 2015 at 18:53

Innanzitutto non risulta chiaro il riferimento normativo all'articolo 68 (forse sarebbe stato opportuno indicare anche la legge). Lei riferisce, poi, di un successivo pignoramento non ulteriormente dettagliato.

Supporremo quindi che lei percepisca un reddito mensile di 2.300 euro, al netto degli oneri di legge e al lordo delle quote cedute e delegate.

Il prelievo su tale importo per crediti non rimborsati, vantati nei confronti del debitore da privati banche e finanziarie, è pari al 20%, ovvero a 460 euro.

Un altro creditore della stessa tipologia, che volesse proporre azione esecutiva tramite pignoramento presso terzi nei sui confronti, dovrebbe attendere il rimborso di tutto quanto dovuto (capitale, interessi e spese legali) al primo creditore procedente.

Per crediti esattoriali o alimentari, invece, la capienza residuale per un nuovo, successivo pignoramento sarebbe limitata alla metà dello stipendio netto (1.150 euro) diminuita della quota ceduta (260 euro) e della quota prelevata in ragione del pignoramento in corso (460 euro).

In altri termini, un successivo pignoramento non potrebbe superare i 430 euro.

Atteso che Equitalia non potrebbe pignorare più del 10% del suo stipendio netto (230 euro), la capienza residuale potrebbe tutelarla nel caso di un nuovo pignoramento azionato per crediti alimentari (mantenimento del coniuge separato e dei figli).