Pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro

Domanda di enzov
9 giugno 2016 at 08:16

Io sono un dipendente con uno stipendio di 1200, da questi soldi pago 260 euro per cessione del quinto, 700 per alimenti a moglie e figli: ho la separazione consensuale, e abito sotto lo stesso tetto perché non posso permettermi un fitto. A me rimangono 240 euro che pago un finanziamento di 238. Io vivo con una rendita di 430 alla quale pago una rata di 100, quindi mi rimangono 330 per vivere.

La domanda é questa: con un pignoramento presso terzi possono pignorarmi un decimo, su quali soldi? (possono pignorare il mantenimento alla mia ex?)

Risposta di Ornella De Bellis
9 giugno 2016 at 08:22

Se il creditore procedente è Equitalia ed il debito è riconducibile all'omesso o insufficiente pagamento delle imposte, le verrà pignorato il 10% dello stipendio, al netto delle ritenute fiscali e contributive ed al lordo della cessione del quinto.

In pratica, parliamo di 120 euro.

Naturalmente, non è possibile pignorare l'assegno di mantenimento versato al coniuge separato beneficiario per debiti imputabili al coniuge obbligato.