Opportunità di chiedere sospensione o annullamento a equitalia prima del giudice

Domanda di Lanfranco
16 maggio 2016 at 12:57

Mi riferisco a questa discussione: prima del giudice, procedura che, stimando a palmi, ha un certo costo (che Equitalia immagino usi come deterrente su piccoli debiti, nel mio caso 350 euro) e secondo la vostra esperienza, può essere valido portare la situazione a conoscenza di equitalia, chiedendo l'annullamento dell'atto?

Che speranze ho che la richiesta venga accolta?

Risposta di Carla Benvenuto
16 maggio 2016 at 14:24

Il ricorso amministrativo in autotutela è la strada da seguire obbligatoriamente prima di procedere, in caso di non accoglimento dello sgravio, ad un eventuale ricorso giudiziale.

In pratica, si tratta di inviare all'ufficio contravvenzioni del comune di Capri una comunicazione, allegando il certificato di residenza storico, in cui si contesta l'omessa notifica del verbale di infrazione (la notifica del 7 luglio 2008 tramite affissione all'albo comunale è inesistente) nonché l'iscrizione a ruolo dell'importo portato dalla successiva cartella esattoriale (titolo esecutivo illegittimo in quanto basato su un atto presupposto inesistente) di cui si chiede lo sgravio.

Purtroppo, nessuna previsione è possibile anticipare circa la possibilità di accoglimento dell'istanza in via amministrativa.