Notifica cartella pagamento

Domanda di zzzeman
12 ottobre 2016 at 05:45

Volevo sapere se la data dì notifica riportata sulla cartella di pagamento può intendersi come data di notifica sia per il creditore che per il debitore.

Risposta di Ornella De Bellis
12 ottobre 2016 at 06:00

La data di notifica della cartella esattoriale è per il debitore, ai fini di un eventuale ricorso, quella di consegna dell'atto.

Per le cartelle esattoriali notificate via posta, in caso di temporanea irreperibilità, la data notifica per il debitore è quella di compiuta giacenza che corrisponde al 10.mo giorno successivo all'inizio della giacenza presso l'ufficio postale (qualora l'atto non venga ritirato oppure venga ritirato in epoca successiva).

Se l'atto viene ritirato prima che sia decorso il termine per la compiuta giacenza, la data di notifica corrisponde a quella del ritiro.

Se la cartella esattoriale viene notificata secondo le modalità previste dall'articolo 60 del dpr 600/1973, la notifica, per il debitore, si intende eseguita nel giorno successivo a quello in cui l'avviso del deposito viene affisso nell'albo pretorio comunale.

Per Equitalia, che agisce in nome e per conto del creditore, la data di notifica della cartella di pagamento (utile per verificare l'eventuale decorso dei termini di decadenza e prescrizione) si individua nel momento in cui l'atto da consegnare al debitore viene affidato all'agente notificatore (presso l'ufficio atti giudiziari, l'ufficio postale, l'ufficio messi comunali eccetera) e si tratta di un dato che emerge con certezza dall'esame della relazione di notifica (per intenderci, la ricevuta della raccomandata AR nel caso di cartella esattoriale notificata direttamente via posta) e che si ottiene, esclusivamente, chiedendone l'esibizione all'agente per la riscossione tramite accesso agli atti.