multa non mia: targa corretta ma quel giorno ero a lavoro

Domanda di mulholland
21 settembre 2011 at 19:00

Ho ricevuto una multa per divieto di sosta: la targa è quella della mia macchina ma nel posto in questione non ci sono mai stato e posso dimostrare di essere andato a lavoro nel giorno implicato (timbro il cartellino) con tanto di testimoni che mi hanno visto con la macchina quel giorno e pronti a testimoniare.

Inoltre la multa che riporta la data del 18-06-2011 è arrivata il 20-09-2011 (credo siano scaduti i 90 giorni).

Vorrei contestarla, come mi consigliate di procedere?

Posso contestarla per entrambi i motivi o soltanto per uno (onestamente preferirei testimoniare che quel giorno non ero nel luogo indicato dalla multa)?

Meglio contestarla al prefetto (col rischio di raddoppiare in caso la sanzione) o al giudice di pace?

Grazie in anticipo per l'attenzione.

Risposta di Simone di Saintjust
22 settembre 2011 at 07:43

Il termine dei 90 giorni per la notifica al trasgressore va calcolato dalla data dell'infrazione a quella della consegna del verbale alle poste. Questa informazione dovrebbe esserci, altrimenti deve effettuare un accesso agli atti ed acquisirla.

Per quel che attiene se presentare il ricorso al Prefetto, è vero che si corre il rischio di dover poi pagare un importo raddoppiato, ma è anche vero che, dati i carichi di lavoro da smaltire, difficilmente (specie nelle grandi città) le prefetture riescono a rispettare i termini dei 210 giorni per accogliere o rigettare il ricorso. E il silenzio va interpretato come accoglimento.

In ogni caso si tratta di una valutazione personale.