lettere di equitalia

Domanda di max1970
18 marzo 2015 at 06:37

Premetto che sono in affitto a 500 euro al mese, lavoro con partiva iva a regime agevolato, non ho macchine, ne casa. Da quando ho richiesto e mi è stato dato il passaporto avendo preso una residenza nuova, mi arrivano avvisi di equitalia nella cassetta delle lettere. Non rispondo mai al citofono e non ritiro mai niente in posta. In una lettera c'era scritto che una busta sigillata era in un posto e c'era un foglio per ritirarla.

Cosa mi consigliate? Come possono procedere?

Risposta di Rosaria Proietti
18 marzo 2015 at 06:44

Sbaglia a non ritirare mai nulla all'ufficio postale. In caso di ritiro non effettuato, la comunicazione si intende comunque correttamente notificata dopo dieci giorni di giacenza. E, quindi, l'unico effetto che produce il suo comportamento è quello di restare all'oscuro dei debiti che sta maturando verso i creditori della PA per i quali agisce Equitalia.

Se il debitore è nullatenente, Equitalia non può fare nulla. Ma, attento al conto corrente in banca o al corrispettivo che guadagna con il suo lavoro a partita IVA, specie se il committente è abituale: Equitalia potrebbe procedere con pignoramento presso terzi.