Pensione di reversibilità

Domanda di utente
2 ottobre 2011 at 06:53

Mio marito e` deceduto nel 2008¸senza alcun bene di proprieta` e qualche debito, i miei figli ed io abbiamo rinunciato all`eredita`ed io ho fatto domanda di reversibilita`della pensione (iure proprio) che l`inps mi ha accreditato puntualmente sul mio conto.

Secondo alcuni creditori¸ questo invaliderebbe la mia rinuncia all`eredita`.

Come stanno realmente le cose?

Risposta di Carla Benvenuto
2 ottobre 2011 at 06:54

Quando vi sono i requisiti per la pensione di reversibilità non se ne perde il diritto se si rinuncia all'eredità.

Secondo quanto statuito dalla Corte Costituzionale, la pensione di reversibilità è una forma di tutela previdenziale nella quale l'evento protetto è un fatto naturale quale la morte che, secondo una presunzione legislativa, crea una situazione di bisogno per i familiari del defunto, i quali sono i soggetti protetti (Corte Costituzionale 28.07.1987, n. 286).

Il diritto alla pensione di reversibilità - sorto in capo ai superstiti, in presenza ovviamente dei requisiti legislativamente previsti - è dunque un diritto che spetta automaticamente per legge iure proprio e non è in connessione alcuna con la posizione riconosciuta ai medesimi soggetti quali eredi del defunto, con la conseguenza, pertanto, che la reversibilità della pensione spetterà anche in presenza di rinuncia all'eredità.

Altre discussioni simili - cliccare sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

forum – debiti e recupero crediti
pensione di reversibilità

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info