Invitalia (ex sviluppo italia) arrivato un avviso di raccomandata

Domanda di Desius
5 giugno 2012 at 14:55

Nel 2002 o 2003 (ora non ho carte in mano e non ricordo di preciso l'anno) ho fatto richiesta per un prestito con l'allora Sviluppo Italia.

Ho ricevuto il prestito, e l'attività (florovivaismo) era svolta in comodato d'uso in alcune serre di proprietà di mio padre, ma purtroppo un anno e mezzo dopo circa, mio padre ha subito il pignoramento di tutto e in questo pignoramento sono stato coinvolto anche io con conseguente sequestro dei miei macchinari attrezzature ecc, nonostante non credo l'avessero potuto fare. Fatto sta che dà lì ho avuto problemi non potendo lavorare più perchè con macchinari e attrezzature sequestrate e a parte una rata del prestito le altre non le ho potute pagare più.

L'altro giorno mi chiamano i miei genitori (io ora vivo in altra regione) dicendomi che c'era un avviso di giacenza (non erano in casa) di una raccomandata a mio nome da parte di Invitalia. Immagino già cosa vogliano Cosa posso fare? entra in prescrizione il debito? se sì dopo quanto?

Ora sono sposato con separazione dei beni e come la maggior parte degli italiani disoccupato faccio saltuariamente qualche lavoro di muratura naturalmente in nero (mia moglie lavora part-time per 700 euro al mese) viviamo in una casa di mia suocera. C'è rischio per le cose di mia suocera o per mia moglie tipo pignoramenti o altro? Io non ho nulla intestato.

Risposta di Annapaola Ferri
5 giugno 2012 at 15:25

Molto probabilmente la comunicazione notificatale da Invitalia (ex Sviluppo Italia) è proprio finalizzata ad evitare che il credito vantato dall'agenzia di sviluppo vada in prescrizione.

Aggiungo, per evitare equivoci, che la notifica per compiuta giacenza è prevista dalla legge ed esplica gli effetti legali dell'atto trasmessole. Ciò anche se lei è risultato irreperibile all'indirizzo di notifica, che, presumo, non è quello di attuale residenza. Qualora si tratti di contratto di natura privatistica, in esso ci sarà sicuramente la clausola che prevede l'obbligo di comunicazioni da parte sua in caso di variazioni di residenza. E, comunque, essendo stato notificato ai suoi genitori l'avviso di compiuta giacenza, la notifica ha comunque raggiunto lo scopo.

Naturalmente c'è la possibilità che Invitalia proceda per riscossione coattiva del credito tramite pignoramento presso la residenza del debitore. Come evitare tale evenienza? Cambiando residenza o stipulando con i suoceri un contratto di comodato gratuito prima che le venga notificato un eventuale ricorso per decreto ingiuntivo.

Nel forum, con una semplice ricerca, troverà tutte le informazioni che le serviranno relative alla "presunzione legale di proprietà".