isee nucleo familiare 44enne con madre vedova con pensione reversibilità inpdap

Domanda di Angelo
3 novembre 2011 at 02:10

Gentile contatto,
Sono un uomo 44enne che nel 2008 ho aperto una partita iva per tentare di avviare una attività come pittore/artista che purtroppo fino ad oggi non mi ha dato alcun risultato. Nel 2010 non ho emesso alcuna fattura e nel 2011, fino ad oggi lo stesso. Il rigo rn1 della dichiarazione dei redditi del 2011 riferita ai redditi 2010 è pari a euro - 1762,00 (valore negativo). Sono iscritto alla gestione separata dell'inps, dopo avere prima provato ad iscrivermi alla camera di commercio di palermo che però mi ha rigettato la pratica sostenendo che per loro resto un pittore e quindi non iscrivibile.
Ho avuto l'isee fino a al 19 ottobre 2011 con valore pari a zero. Così è stato anche l'anno precedente. Fino ad aprile 2011 ho risieduto in appartamento in locazione.
Adesso sono da aprile residente da mia madre, titolare di pensione di reversibilità dalla data del decesso di mio padre avvenuto a fine dicembre 2009. Mia madre ha potuto fare l'isee sia nel 2010 e sia nel 2011, in quanto, alla scadenza nel mese di febbraio scorso, non avendo ancora a disposizione la nuova dichiarazione dei redditi, le istruzioni messe a disposizione nel sito dell'inps (ed anche il patronato al quale ci rivolgemmo) spiegano che bisogna riferirsi ai redditi di due anni prima. Di fatto, mia madre, anche gli anni precedenti mi ha sempre supportato, con assegni mensili variabili tra i 300 ed i 900 euro per permettermi di sostenere spese di affitto fino al marzo 2011 e spese varie riferite all'acquisto di materiali utili per fare quadri purtroppo non venduti. Mia madre riceve solo una pensione di euro 17758,00 lorda(rigo c1 del 730 2011 riferito ai redditi 2010)dei quali , in realtà, da febbraio 2011 ne percepisce solo 1119 euro al mese. Inoltre la casa in cui abitiamo è di proprietà e, prima del decesso di mio padre, era al 50% tra mio padre e mia madre. Dopo il decesso avvenuto a fine dicembre 2009, nel 2010 entro i termini di legge, abbiamo presentato la dichiarazione di successione attraverso un caf, e provveduto agli aggiornamenti catastali, suddividendo le quote come previsto (siamo tre figli e mia madre, ma gli altri due sono sposati e con figli e vivono , per fortuna, lavorando ed economicamente indipendenti e residenti presso loro abitazioni): 6/9 pari a 66,66% mia madre e 1/9 ciascuno noi figli.
Inoltre , poi mia madre ha anche un terreno di proprietà in campagna.
Adesso io mi trovo con isee scaduto dal 19 ottobre, e ho già bisogno di fare una gastroscopia che immagino pagherò profumatamente, pur non vedendo soldi da anni.
Domanda: la mia situazione dà diritto al rinnovo dell'isee da parte mia? In ogni caso, cosa si dovrà fare il prossimo anno, con le dichiarazioni dei redditi? (immagino non saranno più due separate, ma una sola). Sapete se l'inpdap prevede una integrazione alla pensione di mia madre, o non so come chiamarla tecnicamente, per la circostanza appena descritta? è ovvio che la mia speranza è quella di non restare in questa situazione disastrata senza un lavoro effettivo pur avendo una partita iva aperta. Ma perora è così. La ringrazio anticipatamente.

Risposta di Simone di Saintjust
3 novembre 2011 at 14:44

Adesso lei fa parte del nucleo familiare di sua madre. Il suo ISEE risentirà, dunque, dei redditi e delle proprietà di sua madre.

Dal prossimo anno sua madre potrà presentare dichiarazione dei redditi inserendola come figlio a carico. Cosa, che, in verità, poteva fare anche prima. Le detrazioni per figlio a carico, infatti, possono essere fruite anche in assenza di convivenza.

Per l'INPDAP, mi spiace, ma non saprei come risponderle.